MotoGP, Brno: Takaaki Nakagami in evidenza nelle prime libere

Takaaki Nakagami svetta nel primo turno di libere MotoGP a Brno. Seconda piazza per Joan Mir, terzo è Pol Espargaró.

7 agosto 2020 - 10:49

Il Gran Premio MotoGP a Brno si apre con Takaaki Nakagami al comando nel primo turno del venerdì. Si mette ancora in evidenza il giovane giapponese di LCR Honda: “l’occhiata” ai dati dell’assente Marc Márquez potrebbe tornargli utile anche in questo fine settimana dopo un ottimo round a Jerez (4°, miglior risultato personale nella classe regina). Risale all’ultimo in seconda piazza Joan Mir, terzo è Pol Espargaró, a lungo al comando della classifica. Alle 14:10 scatta il secondo turno di prove libere.

Cambio di formazione nel Repsol Honda Team, che in questa occasione schiera il tester Bradl accanto ad Alex Márquez, visto l’infortunio del campione Marc. Ricordiamo poi che né Alex RinsCal Crutchlow si sono ancora rimessi dalle rispettive lesioni: il GP a Brno, su un circuito piuttosto impegnativo a livello fisico, sarà una bella prova per entrambi. In pista passano pochi minuti ed abbiamo una prima caduta: Viñales finisce nella ghiaia alla curva 13, senza conseguenze se non sulla sua M1.

Nel frattempo al comando della classifica si porta presto di Pol Espargaró (ricordiamo i recenti test privati a Brno con Dani Pedrosa), seguito inizialmente da Morbidelli e Nakagami. Quest’ultimo, come detto, determinato a ripetere il miglior risultato assoluto ottenuto a Jerez, ‘sfruttando’ anche i dati dell’iridato MotoGP Marc Márquez. A lungo i piazzamenti sono quasi congelati, finché l’assalto finale non stravolge la classifica: è Takaaki Nakagami a portarsi davanti a tutti, con Joan Mir in seconda piazza e a seguire la KTM di Pol Espargaró. Negli ultimi attimi del turno scivola Francesco Bagnaia alla prima curva.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Paolo Ciabatti: “Non sarà facile sostituire Andrea Dovizioso”

rins motogp

MotoGP, Manuel Cazeaux: “Alex Rins era pronto, ma l’incidente a Jerez…”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso e le strade per diventare campione