MotoGP Brno Qualifiche: seconda pole per Cal Crutchlow

Batte Bautista e Marquez, in seconda fila Pedrosa e Lorenzo

24 agosto 2013 - 11:01

Brno piace (e parecchio) a Cal Crutchlow. Nel 2009, da pilota ufficiale Yamaha Supersport, con la R6 distrusse all’esordio su questo tracciato il precedente primato della pista. Sempre al Masaryk Circuit, lo scorso anno, conquistò il suo primo podio in carriera nella top class. Trascorsi 12 mesi, diventando sempre più protagonista della MotoGP, “The Dog” con la M1 del team Yamaha Tech 3 si è aggiudicato la sua seconda pole position in carriera dopo Assen, in 1’55″527 bravo a ritoccare il pecedente primato siglato nel 2012 da Jorge Lorenzo in 1’55″799. Una prestazione da rimarcare per il futuro Ducatista che mantiene le promesse: dare il massimo da qui a Valencia per archiviare nel miglior modo possibile un triennio speciale con la compagine di Hervé Poncharal. Da sempre tra i piloti più competitivi nel “time attack”, a Brno il forte pilota britannico per poco più di 2/10 ha regolato nel decisivo “Q2” un altro illustre pilota “satellite” come Alvaro Bautista, secondo con la Honda RC213V equipaggiata dalle sospensioni Showa e schierata dal team Gresini, due (si fa per dire) “outsider” che hanno sparigliato le carte nel sabato all’Automotodrom.

In una prima fila inedita c’è sempre spazio per il capoclassifica di campionato Marc Marquez, terzo scontando 336/1000 dal poleman Crutchlow, ma non per Dani Pedrosa, quarto e preceduto dal proprio compagno di squadra per soli 5 millesimi, ma davanti per 81 rispetto a Jorge Lorenzo. In 0″086 i tre contendenti al titolo iridato si sono giocati l’ultimo posto in prima fila, con la seconda aperta dal Campione del Mondo in carica affiancato da un sempre più convincente Bradley Smith, sesto assoluto a suggellare una giornata di festa per tutto il team Tech 3.

E Valentino Rossi? Le “solite” qualifiche: settimo a 659/1000 dalla vetta, in terza fila e, come a Indianapolis, peggior pilota Yamaha in griglia a precedere Stefan Bradl (8° dopo un gran venerdì) ed il trio Ducati formato da Nicky Hayden, Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, qualificatosi nel decisivo turno di prove ufficiali dopo una caduta (seconda di giornata) nel corso del “Q1”. Insieme all’abruzzese prenderà il via dalla quarta fila Colin Edwards, alla seconda “pole” tra i Claiming Rule Team con una FTR Kawasaki del Forward Racing in crescita, decisivo a guadagnarsi la riconferma in ottica 2014 con l’ormai celebre M1 “in leasing”.

Non ha invece superato la “tagliola” del Q1 per il secondo Gran Premio di fila il capoclassifica CRT Aleix Espargaro, costretto a scattare dalla quinta fila affiancato da Michele Pirro, impegnato in un vero “tour de force” tra gare (in sostituzione dell’infortunato Ben Spies) e test di sviluppo Ducati Corse nei prossimi giorni a Misano. Prenderanno il via dalla sesta fila i nostri Danilo Petrucci (17° con la seconda Ioda-Suter-BMW a disposizione dopo il problema tecnico riscontrato nella mattinata) e Claudio Corti (18° con la seconda FTR Kawasaki del Forward Racing), in coda al gruppo il tri-Campione IDM Superbike Martin Bauer, 25esimo all’esordio da 37enne nella top class con la Suter BMW noleggiata dal Remus Racing Team by S & B Motorsport di Fritz Schwarz e Andreas Bronnen. Il via della gara domani eccezionalmente alle 13:00, al fine di evitare spiacevoli concomitanze con il Gran Premio di Spa Francorchamps della Formula 1.

MotoGP World Championship 2013
Automotodrom Brno, Classifica Qualifiche (Q2)

01- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – 1’55.527
02- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.227
03- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.336
04- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.341
05- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.422
06- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.487
07- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.659
08- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 0.950
09- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.298
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.452
11- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.928
12- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – 2.865 (CRT)

Classifica Q1

01- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – 1’58.134
02- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 0.035 (CRT)
03- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.244 (CRT)
04- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.678
05- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.819 (CRT)
06- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 0.849 (CRT)
07- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 0.923 (CRT)
08- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 0.928 (CRT)
09- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 0.994 (CRT)
10- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 2.388 (CRT)
11- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 2.450 (CRT)
12- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – + 2.519 (CRT)
13- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 2.658 (CRT)
14- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 2.693 (CRT)
15- Martin Bauer – Remus Racing Team – S&B Suter BMW – + 3.001 (CRT)

La Griglia di Partenza

01- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
02- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V
03- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V
04- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V
05- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
06- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
07- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
08- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V
09- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
11- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
12- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
13- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
14- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
15- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
16- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
17- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
18- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
19- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
20- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
21- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)
22- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
23- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 (CRT)
24- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)
25- Martin Bauer – Remus Racing Team – S&B Suter BMW (CRT)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

jorge lorenzo motogp 2019

Jorge Lorenzo, a Motegi il 200° GP. “Abbiamo qualche idea da provare”

Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Rookie dell’anno, ma non c’è fretta”

MotoGP Race

MotoGP, aria tesa nella MSMA: motori congelati fino al 2021