brad binder ktm motogp

MotoGP, Brad Binder: “Test Misano? All’inizio mi sentivo perso”

Brad Binder ricorda i test svolti a Misano. "Inizio inquietante, poi ho ripreso il controllo." E sulla ripartenza: "Un weekend di gara per imparare."

9 luglio 2020 - 16:42

Tornare a guidare una MotoGP dopo un lungo stop non è facile. Ne sa qualcosa Brad Binder, che recentemente ha completato dei test privati a Misano assieme al suo team. Da aggiungere anche che il pilota sudafricano è all’esordio nella categoria, una difficoltà in più in quella che si sta rivelando come una stagione complessa a causa dell’emergenza sanitaria. Il 19 luglio si riparte ed allora parlerà solo la pista.

“La prima giornata è stata abbastanza inquietante” ha ammesso Brad Binder a motogp.com, ricordando i due giorni di test privati svolti nella penisola italiana. “È stato davvero difficile all’inizio, dopo essere rimasto seduto per tre mesi sul divano. Certo mi allenavo ogni giorno, ma non è la stessa cosa che guidare una MotoGP. Nei primi giri mi sentivo completamente perso, ma la prima giornata in generale è stata molto difficile.”

Un po’ il feeling avuto nelle prime prove svolte a fine 2019 in sella alla KTM RC16. Il secondo giorno invece è andata meglio. “Fin dai primi giri ho sentito che avevo riacquistato il controllo, quindi ero un po’ più rilassato.” Tenendo d’occhio anche quello che faceva il suo nuovo compagno di box, Pol Espargaró. “Ho realizzato qualche tornata dietro di lui” ha detto Brad Binder.

Non manca un pizzico di dispiacere per aver mancato i test privati a Spielberg, poi svolti da Espargaró e dal tester Dani Pedrosa. “Ero bloccato in Sudafrica” ha ammesso. “Non c’era proprio nessun modo per arrivare in Austria. Ma i test a Misano sono stati comunque utili.” Ora si avvicina la ripartenza. “Finalmente riavremo un normale weekend di gara. Un’occasione per imparare, vedere cosa fanno gli altri e cercare di migliorare costantemente.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Johann Zarco: “Avevo ragione a dubitare di Avintia”

espargaro motogp

MotoGP, Aleix Espargaró: “La trazione KTM? Mi sentivo in Moto2”

MotoGP Portimao 2020

MotoGP, Valentino Rossi: “Portimao come sulle montagne russe”