bagnaia motogp

MotoGP, Bagnaia: “Massacrato per le mie parole, la gente non capisce”

Pecco Bagnaia verso il Gran Premio di Catalunya con rinnovata motivazione. E su Quartararo: "Ha trovato la sua dimensione, noi non possiamo più perdere punti."

3 giugno 2021 - 16:52

Siamo alla vigilia del Gran Premio MotoGP di Catalunya, che segue immediatamente l’infausto appuntamento al Mugello. In quell’occasione Francesco Bagnaia aveva espresso chiaramente il suo stato d’animo dopo la notizia della dipartita del piccolo Dupasquier. Oltre che della necessità o meno di disputare la gara (qui le sue dichiarazioni complete). Parole che hanno portato a qualche polemica nei suoi confronti… Ma si pensa ora al nuovo fine settimana di gare, con l’obiettivo di mettere i bastoni tra le ruote al duo Quartararo-Yamaha, che appare sempre più competitivo.

“Lunedì ero già maggiormente in forma, avevo accettato il fatto” ha sottolineato Bagnaia, ricordando il suo stato d’animo dello scorso weekend. “Domenica non è stato semplice, ma lunedì andava già meglio. Ora abbiamo un’altra corsa, possiamo pensare solo a quella e tutto diventa più semplice. Di solito avrei rivisto tutti i turni… Stavolta volevo solo dimenticare.” Non manca anche un commento sulla rinnovata curva 10, sistemata durante la paura invernale. “Da quando l’hanno cambiata ho fatto fatica” ha ammesso. “Sono contento di tornare a questo layout: non devi frenare in maniera strana, e pensavo anche fosse pericoloso il layout da F1. Ora andrà meglio.”

Parla poi del grande protagonista di questo periodo, Fabio Quartararo. “È un grandissimo avversario, forte e costante, che ha trovato la sua dimensione col team factory. Certo ora non possiamo più perdere punti. Ho fatto un zero e non posso più permettermelo.” E ricorda poi il suo incidente. “Il mio errore è stato dettato dal fatto di non essere stato concentrato. Un errore stupido e banale, che in una situazione normale non avrei mai commesso, né ho mai fatto prima. So io cos’è successo, nessun altro era in sella con me e la gente a casa non si rende conto di cosa vuol dire. Sono stato massacrato domenica per le mie parole. In un fine settimana del genere è stato davvero brutto.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Max75BA
19:02, 3 giugno 2021

L’ultimo gp non andava disputato per lutto, Bagnaia ha ragione al 100% ora è fondamentale vincere il primo gp nella classe regina…il potenziale c’è tutto.
Forza Pecco

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez-Honda: senza vittorie monta l’ipotesi addio

Valentino Rossi e i ragazzi della VR46 Academy

Valentino Rossi semina in MotoGP: VR46 marchio indelebile