MotoGP Austria: Incredibile Binder, vittoria sotto la pioggia con le slick!

Succede davvero di tutto con l'arrivo della pioggia. Ma Brad Binder resiste con le slick e conquista un trionfo pazzesco! Bagnaia e Martín completano il podio.

15 agosto 2021 - 14:46

Solo per i coraggiosi. Possiamo descrivere così quello che ha fatto Brad Binder, che non ha voluto cambiare la moto all’arrivo della pioggia, continuando imperterrito con gomme ed assetto da asciutto. Non sono mancati grossi rischi, ma l’alfiere KTM non ha mollato, conquistando un trionfo pazzesco! Il flag-to-flag ha stravolto tutti i valori, ma sul finale due Ducati sono riuscite a riprendersi il podio. Parliamo di Francesco Bagnaia, che interrompe il digiuno che durava da Jerez, e Jorge Martín, nuovamente grande protagonista al Red Bull Ring. Ed il leader MotoGP Fabio Quartararo allunga ancora… Una gara pazza ed imprevedibile, ecco cos’è successo.

Le gomme

La gara viene dichiarata asciutta, ma le nuvole si sono addensate in cielo… Ecco la scelta iniziale per quanto riguarda le slick, con qualche aggiustamento dell’ultimo secondo: Zarco e Martín hanno virato sulla hard anteriore, mentre Marc Márquez ha preferito la soft posteriore. Quest’ultimo è un azzardo, con la forte speranza che arrivi la pioggia…

La gara “asciutta” 

Scatto pazzesco per il poleman, con Bagnaia subito a seguire, mentre c’è un largo per il duo francese, che non perde però terreno. Viene immediatamente comunicata bandiera bianca, ovvero la possibilità di cambiare la moto in caso le condizioni peggiorino. Alla fine del primo giro è un dominio Ducati, con parentesi Honda e Yamaha: il #63 è passato in testa, seguono a ruota i ragazzi Pramac, Marc Márquez e Quartararo. Sono loro a dare vita ad una battaglia serrata per le prime posizioni della durata di svariati giri, mentre Bastianini imbocca la via della pit lane per problemi tecnici. Nell’immagine ecco il perché…

Mancano 21 giri alla fine ed ecco comparire la bandiera da pioggia: c’è qualche goccia, ma si continua senza problemi. E col passare del tempo emergono i contendenti per il podio: Bagnaia, Quartararo e Márquez hanno qualcosa in più, come dimostra il margine crescente sugli inseguitori. Segue il colpo di scena, Zarco finisce nella ghiaia! Davvero un brutto colpo per le sue ambizioni iridate… Non è più fortunato Oliveira, KO per incidente ma fortunatamente senza conseguenze. Ma il ‘bello’ arriverà poco dopo.

Arriva la pioggia…

A 5 giri dalla fine succede letteralmente di tutto con l’arrivo della pioggia: alcuni rientrano prima per il cambio moto, in testa di colpo diventano 6 in lotta (Márquez, Quartararo, Bagnaia, Martín, Binder e Mir), cinque dei quali poi lasciano la pista. Ma non Binder, con Aleix Espargaró, Rossi, Lecuona e Marini per il podio! Cade in seguito Marc Márquez, mentre Brad Binder realizza davvero numeri da circo per non finire a terra sotto la pioggia con le slick! Poco importa la sanzione di 3 secondi per uscite di pista, il margine è ormai grande e nessuno gli toglie questo strepitoso successo! Ma dietro di lui le gomme rain pagano rispetto a chi ha continuato a rischiare con le slick: è così che Pecco Bagnaia e Jorge Martín in particolare riescono a prendersi gli ultimi due gradini del podio.

Per i tuoi massaggi Thai

La classifica

Foto: motogp.com

1 commento

walterguzzi
16:38, 15 agosto 2021

dove sono le prime quattro ducati come ha detto dall igna e soprattutto il pagliaccio che parla sempre dov è finito?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

franco morbidelli motogp

MotoGP, Franco Morbidelli: “Sfida superata in maniera decente”

aleix espargaro misano motogp

MotoGP: comanda Aleix Espargaró nel day-2, Bagnaia top dei Test Misano

alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Sylvain Guintoli? Non so davvero come faccia”