Andrea Iannone in Austria

MotoGP Austria, Aprilia in apnea: i tempi delle FP3

MotoGP Austria, FP3: tempi e classifica finale. Best lap di Marquez, Rossi e le Ducati nella top-10. Per Aprilia si prevede un altro week-end in salita.

10 agosto 2019 - 10:43

Al Red Bull Ring splende il sole e le FP3 saranno la sessione che deciderà la top-10 per l’accesso diretto alla Q2. Aprilia fatica ancora ad entrare nei primi dieci, arrovellandosi in una situazione che inizia a diventare insopportabile per i suoi due piloti alfieri Aleix Espargarò e Andrea Iannone. Su una pista dove la mancanza di accelerazione penalizza fortemente, c’è ben poco da fare per gli uomini di Noale. “Stiamo riscontrando delle difficoltà, non lo nascondo – ha ammesso il pilota di Vasto -. Oltre al distacco fatichiamo a mantenere un buon ritmo, essendo al limite dobbiamo forzare molto e questo sulla distanza non paga“.

Andrea Iannone non smette di credere nel potenziale dell’Aprilia, ritenendo la sua scelta “la più grande sfida della mia vita“. In attesa del debutto del prototipo 2020, che si preannuncia come una moto rivoluzionaria in ogni settore. Chi si mostra più sofferente è il pilota spagnolo: “Soffriamo come l’anno scorso, perdiamo molto in accelerazione, questa è la verità. Quando devo frenare devo spingere di più e i freni si surriscaldano“. In vista delle qualifiche non nasconde di puntare su una scia altrui per trovare qualche vantaggio: “Sono un pilota di fabbrica e non è professionale aspettare costantemente qualcun altro, ma sarebbe utile“.

La terza sessione di libere in Austria vede ancora Marc Marquez al comando in 1’23″251, davanti a Maverick Vinales e Andrea Dovizioso. 4° Danilo Petrucci, seguito da Fabio Quartaro e Valentino Rossi. Nella top-10 Miller, Nakagami, Rins e Pol Espargarò.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dani Pedrosa, più veloce con la KTM che con la Honda in Austria

motogp dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “A Silverstone col morale alto”

Maverick Vinales

Maverick Vinales sfida Valentino Rossi, ma attenti a Quartararo