MotoGP Assen Warm Up: Lorenzo su Pedrosa e Stoner

Seguono Ben Spies e Andrea Dovizioso, cade Akiyoshi

26 giugno 2010 - 6:13

Bastano loro tre: Jorge Lorenzo, Dani Pedrosa e Casey Stoner. I tre “superstiti” de “I Fantastici 4″ della MotoGP si ritrovano in testa nel Warm Up della MotoGP al TT Circuit Van Drenthe di Assen, ma tutti con un presente decisamente diverso, quasi diametricalmente opposto. Lorenzo, poleman, è il più veloce in 1’34″773, mettendo insieme 5 giri sull’1’35”, 4 sull’1’34”. Un passo davvero competitivo anche in soli 20 minuti di Warm Up, dove ha lasciato a poco meno di 2/10 Dani Pedrosa, tornato in auge dopo le difficoltà dei primi due giorni di prove.

Abituato a questo genere di progressi da un turno all’altro di prove, Pedrosa non è da meno sul ritmo-gara davanti oltretutto a Casey Stoner, terzo ma con il solito “stop” finale di sessione con il classico briefing tecnico anticipato al proprio box. Se tornano in vetta 3 protagonisti della MotoGP, scivola in sesta posizione Randy De Puniet che scatterà dalla seconda posizione nello schieramento di partenza.

Il velocissimo pilota del team LCR Honda è stato preceduto da Andrea Dovizioso e Ben Spies, confermatosi in 4° posizione. Con Marco Melandri fuori gioco il team Gresini fa invece affidamento su Marco Simoncelli, 10° con un rischio-contatto all’ultima variante con Hector Barbera quasi a riportare i ricordi dei “bei tempi” in 250cc con questa accesa rivalità, seguito da Loris Capirossi che insieme ad Alvaro Bautista fa quel che può con una Suzuki che continua a non rispettare le promesse di competitività di inizio campionato.

Ultimo in graduatoria Kousuke Akiyoshi che ha spaventato il team Interwetten per un brutto highside (ma ancora??) alla velocissima “Hoge Heide”, praticamente la stessa modalità che ha costretto Hiroshi Aoyama alla resa nel Warm Up di Silverstone. Evidentemente il tester Honda ha le ossa dure: non si è fatto niente. Meno male, davvero.

MotoGP World Championship 2010
Assen, Classifica Warm Up

01- Jorge Lorenzo – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – 1’34.773
02- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.151
03- Casey Stoner – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 0.237
04- Ben Spies – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.579
05- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.688
06- Randy De Puniet – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 0.919
07- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.948
08- Aleix Espargaro – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.320
09- Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.412
10- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.606
11- Loris Capirossi – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.743
12- Mika Kallio – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.924
13- Hector Barbera – Paginas Amarillas Aspar – Ducati Desmosedici GP10 – + 2.387
14- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 2.565
15- Kousuke Akiyoshi – Interwetten Honda MotoGP – Honda RC212V – + 5.457

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez di nuovo sotto i ferri, il rientro si allontana

MotoGP, Valentino Rossi e Fabio Quartararo

MotoGP, Valentino Rossi e l’erede spuntato 15 anni dopo

pedrosa ktm motogp

MotoGP, Beirer (KTM): “Pedrosa wild card nel 2021? È possibile”