MotoGP Assen, Qualifiche: Pole position per Marc Marquez, a seguire Crutchlow e Rossi

Il pilota Repsol Honda si assicura la prima casella in griglia, ma con un margine davvero ridotto, visto che Crutchlow e Rossi sono distanti pochi centesimi.

30 giugno 2018 - 13:08

Non è stato sicuramente uno dei turni di qualifiche più tranquilli visti finora, ma proprio per questo è stato uno dei più belli e combattuti: alla fine è il campione in carica e leader iridato Marc Marquez ad assicurarsi la pole position, davanti a Cal Crutchlow, Valentino Rossi ed Andrea Dovizioso, racchiusi in appena 79 millesimi! Ci aspetta una gara davvero immancabile, al via alle 14.00 di domenica 1 luglio.

Come detto, fuochi d’artificio in questa Q2: Lorenzo è il primo a cercare la pole, ma non è dell’idea Iannone, e poco dopo ritroviamo in lotta per la prima casella in griglia ben undici piloti, alla fine racchiusi in poco più di mezzo secondo. Alla fine sarà Marc Marquez a scattare davanti a tutti, seguito da Cal Crutchlow e Valentino Rossi, mentre Andrea Dovizioso apre la seconda fila assieme ad Alex Rins e Maverick Viñales. Settima piazza per Aleix Espargaro, a precedere Johann Zarco ed Andrea Iannone, mentre Jorge Lorenzo chiude decimo, seguito dal compagno di squadra Danilo Petrucci e da Alvaro Bautista.

La classifica della Q2

La battaglia non è stata meno intensa in Q1, con Rins e Miller subito al comando della classifica, insidiati principalmente da Nakagami e Zarco. Negli ultimi minuti però quasi tutti i piloti presenti in pista possono aspirare al passaggio in Q2: alla fine saranno Johann Zarco, autore di un ultimo settore molto rapido, ed Alex Rins ad assicurarsi i due piazzamenti utili per accedere al secondo turno di qualifiche. Takaaki Nakagami è il primo degli esclusi, ma non passano nemmeno Rabat, Syahrin e Miller, così come Pedrosa.

La classifica della Q1

 

MES Experience a Franciacorta: tutte le info utili

SBK Misano: i biglietti e le offerte disponibili

MXGP Videopass: prezzi e offerte disponibili

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco: “Problemi con KTM? Non sono ingegnere”

Dani Pedrosa: “Lorenzo deve prendere più confidenza con la moto”

MotoGP, Andrea Iannone: “Ducati, Suzuki e Aprilia sono molto diverse”