MotoGP Assen Qualifiche: Jorge Lorenzo ancora in pole

De Puniet e Stoner al suo fianco, Spies chiude 4°

25 giugno 2010 - 11:15

Doveva andare così: Jorge Lorenzo al TT Circuit Van Drenthe di Assen fa sua la seconda pole position stagionale e consecutiva dopo Silverstone, la 37° in carriera (11 in MotoGP) grazie ad un ottimo 1’34″515 spiccato proprio all’ultimo dei 31 giri (tanti) percorsi nell’ora a disposizione. Il leader del mondiale è parso davvero con un buon vantaggio di margine sugli inseguitori, più dei quasi 3/10 comparsi nel responso cronometrico. Questa mattina nelle prove un ruolino di marcia interessante sul passo nonostante un motore a fine esercizio (tre punzonati in questa prima parte di stagione), questo pomeriggio la pole position.

Basi importanti per prospettare una gara d’attacco come già accaduto a Silverstone. Toccherà a Randy De Puniet e, soprattutto, Casey Stoner azzardare l’offensiva, al fianco del #99 in prima fila. Se per il pilota transalpino del team LCR Honda non è più una sorpresa, per l’ex iridato una buona sessione macchiata soltanto con un problema allo scadere che l’ha costretto a guardare tutti dai box nei conclusivi e decisivi minuti.

Per sua fortuna la prima fila è salva anche da Ben Spies, ottimo quarto a conferma di una costante crescita che lo proietta tra i sicuri protagonisti della gara di domani (e della seconda parte di stagione), anche a scapito del connazionale Nicky Hayden quinto nonostante una mattinata condizionata da un problema al propulsore ed una scivolata.

La Ducati ha ragione per abbozzare un sorriso, non al box HRC, piegati da Randy De Puniet con la Honda “clienti”. Andrea Dovizioso non riesce a sfruttare le Bridgestone “time attack” ritrovandosi sesto giusto davanti ad un deluso Dani Pedrosa. Al team Gresini si corre soltanto con Marco Simoncelli (8°) con Marco Melandri in infermeria dopo il violento highside della mattina. Poteva rientrare ampiamente nella top ten che ha invece premiato Colin Edwards e Aleix Espargaro, non le Suzuki di Loris Capirossi e Alvaro Bautista in 11° e 12° posizione, ovvero 1″1 e 1″8 dalla vetta. Intorno ai 2″ Kallio e Barbera, a 3″6 Kousuke Akiyoshi che ha dimezzato lo svantaggio dai primi rispetto a ieri. Sarà così anche per Wataru Yoshikawa, da Barcellona con la Yamaha Factory orfana di Valentino Rossi?…

MotoGP World Championship 2010
Assen, Classifica Qualifiche

01- Jorge Lorenzo – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – 1’34.515
02- Randy De Puniet – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 0.282
03- Casey Stoner – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 0.288
04- Ben Spies – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.411
05- Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 0.484
06- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.500
07- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 0.647
08- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 0.768
09- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.878
10- Aleix Espargaro – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.078
11- Loris Capirossi – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.149
12- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 1.829
13- Mika Kallio – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.987
14- Hector Barbera – Paginas Amarillas Aspar – Ducati Desmosedici GP10 – + 2.054
15- Kousuke Akiyoshi – Interwetten Honda MotoGP – Honda RC21V – + 3.683

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, disastro Honda senza Marc Marquez. Puig: “Non siamo contenti”

portimao motogp 2020

MotoGP UFFICIALE A Portimão l’ultimo GP della stagione 2020

lowes moto2 brno

Moto2, Lowes 2° a Brno: “Non ne avevo abbastanza per Bastianini”