MotoGP, Assen: Dani Pedrosa parlerà del suo futuro?

Si avvicina l'ottavo appuntamento iridato di questa stagione, con Marc Marquez e Dani Pedrosa pronti a fare bene. Dal secondo però ci si aspetta qualche novità in ottica 2019.

26 giugno 2018 - 11:24

Sarà il momento della verità per Dani Pedrosa? Da quando il pilota ha annunciato che non continuerà con Repsol Honda Team, si rincorrono le voci sul suo futuro, tra chi parla di ritiro e chi di approdo in un team Yamaha clienti con Petronas come sponsor. Proprio quest’ultima è ultimamente la più accreditata, ma bisognerà vedere se Pedrosa potrà (o vorrà?) dire qualcosa di più già questo weekend, principalmente nel corso della conferenza stampa alle 17.00 di giovedì, che vedrà presenti sia lui che il compagno di squadra Marc Marquez, campione in carica e leader iridato.

Nel frattempo, il duo Repsol Honda Team approda ad Assen con il pilota di Cervera stabilmente in testa alla classifica piloti. Sia lui che il ‘piccolo Samurai’ hanno anche preso parte ai test successivi al Gran Premio di Catalunya, lavorando su aspetti diversi e con Pedrosa in particolare intenzionato a compiere un importante passo in avanti dopo un inizio di stagione difficile. Quattro le vittorie conquistate da Marquez ad Assen, delle quali una sola in MotoGP, più altri 4 podi, mentre il pilota di Sabadell ha ottenuto proprio su questa pista la prima vittoria iridata, precisamente in 125cc nel 2002. Si tratta finora dell’unico successo su questa pista, ma vanta anche altri sette podi.

“Il test in Catalunya è stato positivo” ha dichiarato Marc Marquez, “ma Assen è una pista totalmente diversa rispetto al Montmeló. Fino a questo momento abbiamo mantenuto un buon livello più o meno su ogni circuito, riuscendo a gestire ogni situazione, quindi siamo positivi anche per questa gara. Il tracciato mi piace, è la “Cattedrale” del motociclismo, ed i fan sono sempre molto appassionati. Arriviamo a questo appuntamento con un piccolo vantaggio in classifica, ma la stagione è molto lunga e tanti piloti possono ancora lottare per il titolo. Noi dobbiamo solo rimanere concentrati ed ottenere il massimo in ogni circostanza.”

“Assen è stata una pista difficile per me in passato” ha invece detto Dani Pedrosa, “ma ho anche bei ricordi. La pista è molto veloce e la moto tende a muoversi molto, quindi dobbiamo lavorare bene sul set up in modo che la RCV sia più stabile, senza però avere problemi in altri aspetti. Il tempo, tipicamente poco stabile, può rendere le cose anche più complicate, ma detto questo, sappiamo di aver lavorato bene nel corso dei test in Catalunya: abbiamo trovato qualche modifica che possa darci maggiore grip, ma vedremo se funzionerà ad Assen. Cercheremo di fare bene fin dal venerdì, preparandoci ad affrontare ogni tipo di situazione.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoE, Aki Ajo: “L’intensità della competizione è stata una rivelazione”

Carlo Pernat: “La MotoGP ha bisogno di Valentino Rossi”

Dani Pedrosa prova le moto storiche che guiderà al Goodwood Revival