MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aprilia pronta al decollo: manca capitan’ Andrea Dovizioso

Aprilia e Aleix Espargarò al 7° posto nella gara d'esordio MotoGP 2021. La RS-GP21 continua a fare passi avanti, Andrea Dovizioso sarà di grande aiuto.

29 marzo 2021 - 9:40

Sei secondi dividono Aleix Espargarò dal vincitore della prima gara MotoGP in Qatar. Il 7° posto di Aprilia vale quasi quanto un podio, dimostra che la nuova RS-GP ha il passo per stare con i migliori. Peccato per Lorenzo Savadori che ha chiuso ultimo, per problemi fisici e una mancanza di feeling con il prototipo di Noale. Nel paddock di Losail c’era anche Simone Battistella, ufficialmente come visitatore interessato. Ma in realtà per osservare da vicino il lavoro del team di Massimo Rivola. Fra due settimane Andrea Dovizioso terrà un test privato a Jerez, poi avrà le idee più chiare sul suo futuro.

Al momento nessuno si sbottona, anche se un secondo test privato pare sia già in programma. Si escludono wild card al momento, ma non avrebbe senso non sfruttare l’occasione se nella stagione MotoGP 2022 Andrea Dovizioso vorrà tornare a correre. L’impressione è che non si vogliano anticipare i tempi, un po’ anche per scaramanzia. Molto dipenderà dal primo impatto del forlivese con l’Aprilia RS-GP. A breve termine meglio godersi lo step in avanti compiuti dagli ingegneri di Noale. Lo sviluppo tecnico non può certo fermarsi. “Con il serbatoio pieno ho sofferto molto – racconta Aleix Espargarò -. A poco a poco ho recuperato posizioni, ho superato Valentino, Martín, poi Miller“.

Negli ultimi giri il pilota Aprilia ha provato ad insidiare la vetta, ma la gomma era ormai logora, attaccare era impossibile. Superare la Ducati di Jack ha richiesto tempo, ma il team veneto sta lavorando ancora sul V4 a 90°. “Quest’anno il motore non è nuovo al 100%, è un po’ diverso, ma non nuovo. C’è una parte del motore su cui gli ingegneri continuano a lavorare, l’idea è che arrivi un po’ prima dell’estate. Non c’è una data precisa“. In fondo al gruppo c’è l’altra RS-GP, quella di un Savadori in condizioni fisiche ancora precarie e non in piena sintonia con la moto. “Una gara difficile, sia per la spalla che mi ha dato fastidio specialmente all’inizio sia perchè dobbiamo ancora migliorare. Non ho il feeling per spingere – spiega l’italiano -, fatico con il serbatoio pieno e nella gestione delle gomme”.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
17:50, 29 marzo 2021

Aspettiamo con entusiasmo le prove di AD con Aprilia, spero in una sorpresa positiva ed anche in un ritorno ! Vai AD Vaiii !

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Zarco un riferimento nell’ultimo settore”

marc marquez motogp

MotoGP, Marc Márquez: “Che sorpresa il 6° posto, mi vedevo lento!”

Moto2 GP Portimao, Prove 2: Joe Roberts si conferma, 5° Bezzecchi