Andrea Iannone ex pilota MotoGP

MotoGP, Andrea Iannone su Rai1: “Sono un uomo che vive di sfide”

Esordio in TV per Andrea Iannone che si lancia nel mondo del ballo. L'ex pilota MotoGP accetta la nuova sfida e sogna di diventare un ballerino.

18 ottobre 2021 - 15:42

Sabato sera su Rai 1 andavano in scena alcune immagini di una Suzuki con il numero 29, poi una Ducati del team Pramac. Non si trattava di una cessione di diritti televisivi della MotoGP… Ma dell’esordio in TV di Andrea Iannone nel programma ‘Ballando con le stelle’ condotto da Milly Carlucci. Il pilota di Vasto si è presentato al grande pubblico in prima serata, dove fa coppia con Lucrezia Lando. E le voci del gossip già spifferano di una love story tra i due. Ma ormai fa parte del personaggio di ‘The Maniac’ che si trascina dietro dal suo fidanzamento con Belen Rodriguez.

Nel novembre 2013 inizia l’entrata in un tunnel professionale che lascia sicuramente il segno nella sua vita. Nel week-end in Malesia viene sottoposto all’esame antidoping e a distanza di qualche settimana gli viene segnalata la presenza di una sostanza vietata, il drostanolone. Accusato di doping viene condannato prima a 18 mesi, poi a 4 anni dopo la sentenza del Tas di Losanna che accoglie la richiesta della WADA. Andrea Iannone dovrà restare fuori dalla MotoGP fino alla fine del 2023, vedendo per sempre troncata la sua carriera da pilota.

L’esordio in TV

Da tempo si parlava di una sua possibile comparsa in TV, l’occasione è arrivata. Ha deciso di mettersi in ballo nel vero senso della parola. Un’arte a lui sconosciuta fino a qualche giorno fa, l’inizio di una nuova sfida dal punto di vista umano. “Io sono un uomo che vive di sfide, faccio sempre quello che mi va, anche se fosse ora di iniziare a pensare alle conseguenze. Fare una cosa che non so fare non mi spaventa, mi crea una curiosità tremenda, mi butto – racconta Andrea Iannone -. Perché voglio dimostrare che tutto è possibile. ‘Ballando’ per me non è una distrazione, è una sfida, una cosa che prendo con molta serietà. Non vivo sul dover piacere per forza a tutti, perché è impossibile e sarebbe sbagliato. Poche volte ho parlato di me, la gente sa di me ciò che qualcuno ha raccontato. Molti pensano che sia una persona tutta di un pezzo, di pietra, ma dipende dalle situazioni“.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

Max75BA
22:50, 18 ottobre 2021

…un talento che si è sprecato con le proprie mani, poteva regalarci delle gare esaltanti…come personaggio dello spettacolo “pseudomondano” francamente non mi sortisce alcun interesse.

FRA 1988
20:38, 18 ottobre 2021

* Non era il 2013 la questione doping è del 2019.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Iker Lecuona

MotoGP, Iker Lecuona critica KTM: “Non è corretto”

MotoGP, Alberto Puig

“MotoGP senza Valentino Rossi? La vita va avanti”: la freddura di Puig

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, trattativa Aprilia-Espargarò: rinnovo o ipotesi collaudatore