2 commenti

Max75BA
20:51, 18 febbraio 2021

…il ricorso al tas è stata una “follia” forse definitiva per la sua carriera da pilota, non credo che avesse una linea difensiva sostenuta da prove di “spessore”…dispiace perdere un gran manico…se verrò smentito meglio, soprattutto per lui

voiedegarag_15199617
19:28, 18 febbraio 2021

L’operato della WADA va a mio avviso rivisto in generale, non è il solo caso di Iannone che pone problema.

A Iannone però direi che si è comportato con l’abituale superficialità : già l’appello -a parte in Italia dove nei tribunali si può tirare a campare fino al terzo grado (che in teoria poi non esiste nemmeno) a spese degli innocenti- ma nei paesi civilizzati quando fai appello e lo perdi la pena si appesantisce proprio per scoraggiare il ‘tirare a campare’, e il terzo grado te lo sogni : gestione del rischio amatoriale.
Perché ?

Poi un fatto di professionalismo e di immagine : pubblicare sui socials le foto della festa al ‘doping club’ alla veglia della sentenza della WADA era per uno che non aveva capito la situazione.