Andrea Iannone pilota Aprilia

MotoGP, Andrea Iannone: “Espargaró lavora nel modo sbagliato”

Andrea Iannone porta avanti lo sviluppo dell'Aprilia alla pari di un collaudatore e rigetta il metodo di lavoro di Aleix Espargaró: "Non è produttivo".

27 maggio 2019 - 14:17

Aprilia viaggia sul doppio binario Espargaró-Iannone. Il pilota spagnolo, che conosce la RS-GP da tre anni, dopo cinque gare ha collezionato 22 punti, il pilota di Vasto appena 6. La dicotomia non riflette il reale valore dei due alfieri, ma un’impostazione di lavoro differente. Aleix ha imparato a convivere con i difetti della moto di Noale, per il neo arrivato sono più evidenti: “Si è abituato alla moto e non vede molti difetti”, afferma Iannone a Motorsport-Total.com. “Ha imparato a convivere con certe cose, ma dobbiamo risolverle”.

ANDREA IANNONE COLLAUDATORE APRILIA

Il pilota abruzzese è stato ingaggiato soprattutto per portare avanti lo sviluppo del prototipo Aprilia, migliorare i difetti di elettronica prima di tutto, al fine di trovare più trazione. “Io non voglio prendere il suo metodo di lavoro, perché non è produttivo“, dice Andrea Iannone. “Voglio adattarmi alla Aprilia, ma nel modo giusto. Aleix corre da tre anni con questa moto e si è adattato ai suoi problemi. Io preferisco guidare lentamente e capire come deve comportarsi la moto in gara. Stiamo facendo progressi con il tempo, pertanto i risultati sono soddisfacenti“. A Le Mans è rientrato ai box dopo pochi giri per problemi fisici, al Mugello si attende un ulteriore piccolo passo avanti dal pilota di Vasto. “Aleix ha notato molte cose mentre mi guardava, rendendosi conto che il suo metodo non gli avrebbe mai permesso di sviluppare una moto che fosse abbastanza buona per il podio. Sto dando ad Aprilia il tempo di reagire, devi essere paziente, sono rilassato perché ho dovuto scegliere di sviluppare una moto competitiva e non guardare semplicemente le prestazioni“.

ESPARGARÓ AL LIMITE

Al momento le piccole soddisfazioni arrivano da Aleix Espargaró, che però lamenta troppi ritardi sulla RS-GP. Consistente il gap in termini di grip in accelerazione e di potenza sui rettilinei rispetto ai rivali. Si rende conto che Iannone sta cercando il modo migliore per guidare l’Aprilia, ha introdotte nuove idee e informazioni ereditate dall’esperienza in Suzuki e Ducati. Ma non è il modo giusto per rincorrere un podio a breve raggio. “Non sto dicendo che non lavoro per migliorare la moto, ma se riduco il controllo della trazione diventerò più veloce, ma non è questa la strada da percorrere… Ognuno ha il proprio stile di guida, mi sono sempre concentrato sul mio e devo dire che è molto diverso da Sam [Lowes], Scott [Redding] e Andrea. Ho stabilito un controllo di trazione basso, ma probabilmente non è il modo di guidare in MotoGP. Mi sono adattato alla moto ma non so se questa è la soluzione, perché ora sono completamente al limite“.

3 commenti

walterguzzi
17:22, 27 maggio 2019

Effettivamente a parte le stupide critiche di quei poveretti che quando vedono Iannone pensano solo a Belen, mi sembra il suo un ragionamento molto intelligente .

    Katana05
    12:25, 29 maggio 2019

    Che poi se inizi un discorso definendo stupidi e poveretti chi non la pensa come te non ti stupire di come va a finire.

    fabu
    11:50, 28 maggio 2019

    non è questione di Belen, ma dell’immagine che Iannone ha voluto dare di sè stesso, le sue bravate social l’attitudine reality. diciamo che i suoi colleghi si comportano professionalmente in maniera un pò diversa. ok, uno disporrà della sua vita come vuole, si dirà, ma qui si parla di moto e piloti, e i risultati parlano per lui.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”