MotoGP, Andrea Iannone

MotoGP, Andrea Iannone cerca velocità contro i ritardi del Tas

Andrea Iannone cerca velocità su strada e con i go-kart. Il pilota Aprilia salterà la prima parte della stagione MotoGP in attesa della decisione del Tas.

6 luglio 2020 - 8:46

Per Andrea Iannone l’attesa diventa estenuante a poco più di una settimana dal via della stagione MotoGP. A Jerez verrà sostituito da Bradley Smith che monterà sulla sua Aprilia RS-GP. Difficile immaginare che il Tas di Losanna si esprima prima della gara a Brno. Il Tribunale dovrà decidere se confermare o annullare la condanna a 18 mesi per doping, nonostante la FIM abbia riconosciuto la contaminazione alimentare durante il week-end a Sepang. Ma nella peggiore delle ipotesi ‘The Maniac’ potrebbe vedere aumentata la squalifica, dopo che la WADA ha chiesto la pena massima: 4 anni.

In Aprilia si cerca di pensare positivo, anche se la lunga attesa non lascia prevedere un buon esito. Intanto Andrea Iannone avverte l’astinenza di velocità e si diverte con i suoi go-kart o su strada con uno dei suoi gioiellini. “Ogni volta che ho possibilità di affrontare la velocità, è una benedizione. Ci sono poche cose nella vita che ci fanno sentire fortunati, pieni… felici in un secondo. Solo col pensiero o con il ricordo. La sensazione è rara ma chi sta leggendo già ha capito qual è l’attività, il luogo o la persona che lo emoziona senza sforzi. A me succede ogni volta che vedo una pista. E a te?“.

Pronta la risposta dell’amico Loris Capirossi: “A tutti noi che al posto del sangue abbiamo benzina“. Sarà dura per Andrea dover guardare la gara di Jerez da casa, non poter provare la nuova RS-GP 2020 cui ha contribuito nello sviluppo. C’è ancora il contratto da rinnovare e, sebbene Aprilia gli abbia garantito massima fiducia, sa che la sua carriera rischia di vacillare. Nel caso il Tas confermasse i 18 mesi di squalifica sarebbe costretto a prendersi un anno sabbatico nel 2021. Ma c’è la ferma convinzione che, comunque vada, saranno tanti i tea della MotoGP che cercheranno il pilota di Vasto al momento opportuno.

Video: Instagram @andreaiannone

1 commento

dinosaur_14861264
8:29, 7 luglio 2020

“saranno tanti i team della MotoGP che cercheranno il pilota di Vasto al momento opportuno” Dopo il “ripescaggio” di Fenati, sull’etica dei teams penso non ci possano essere più dubbi!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joan Mir ad Aragon

MotoGP, Joan Mir neo-leader: “Non mi interessa tanto il Mondiale”

morbidelli motogp

MotoGP, Morbidelli: “Il secondo GP sulla stessa pista è sempre diverso”

marquez honda motogp

MotoGP, Alberto Puig: “Una nuova conferma dei progressi di Alex Márquez”