MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non siamo lontani dal nostro obiettivo”

Andrea Dovizioso crede nel titolo MotoGP 2020. La vetta dista appena 15 punti, ad Aragon/2 serve un pizzico di fortuna con il meteo.

21 ottobre 2020 - 16:32

Per Andrea Dovizioso la corsa al titolo MotoGP passa per il GP di Teruel. Dopo il settimo posto di domenica scorsa ad Aragon, il pilota Ducati proverà a lavorare sui dati raccolti e a sperare su temperature dell’asfalto più alte per avere maggior grip in curva. “Grazie all’esperienza acquisita nella prima gara di Aragón potremo puntare a risultati migliori. Adesso abbiamo a disposizione tanti dati con cui cercare di controllare l’usura delle gomme“.

Sono 15 i punti che lo separano dal nuovo leader Joan Mir, quattro le gare che mancano alla fine e in ballo ci sono ancora 100 punti. Più che sufficienti per ambire al titolo iridato e concludere in bellezza l’avventura in Ducati. “C’è ancora spazio per me e se stiamo andando nella giusta direzione, allora dovremmo sicuramente essere più competitivi“, ha spiegato Andrea Dovizioso. La chiave di svolta è trovare condizioni utili dal venerdì per studiare il miglior setting per la gara.

Il Mondiale è un sogno possibile

Ma dal meteo dovrà arrivare l’aiuto più consistente, perché alle basse temperature la Ducati GP20 soffre troppo e non è possibile trovare una soluzione in poco tempo. Con l’alzarsi della colonnina di mercurio la Desmosedici può affinare la percorrenza in curva, quindi la frenata e il feeling con la nuova carcassa Michelin. “Abbiamo ancora quattro Gran Premi e non siamo lontani dal nostro obiettivo. In ogni caso non ci arrenderemo e continueremo a lottare fino alla fine“.

Serve un passo avanti per non frenare la corsa al titolo MotoGP. A cominciare da un miglior piazzamento nelle qualifiche. “Non è un Mondiale lineare come negli anni precedenti, quando la situazione era più sotto controllo… I nostri avversari sono forti, vincono le gare, lottano sempre per il podio. La mia mentalità è orientata alle gare e al mondiale – ha concluso Andrea Dovizioso -. E anche se quest’anno la velocità non è eccellente, siamo ancora in lotta per il titolo. Ma non è abbastanza. Dobbiamo fare di più“.

2 commenti

fzanellat_12215005
18:25, 21 ottobre 2020

Non puoi qualificarti fuori dai 10 nelle tappe decisive
del mondiale.Il problema di Fabio ha regalato punti agli altri e Dovi si è limitato ad un 7° posto.
Yamaha ha il vantaggio della qualifica e Suzuki gestisce
le gomme meglio degli altri team.
A.Marquez è un altro fattore da tener d’occhio può
rubare punti a tutti.

Max75BA
16:45, 21 ottobre 2020

La classifica induce alla speranza le prestazioni meno…speriamo bene!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi in Argentina

Valentino Rossi: “Diego Armando Maradona nell’elite di tutti gli sport”

moto2 moto3 jerez

Moto2-Moto3, la stagione 2021 è già cominciata con i primi test

MotoGP, Joan Mir champion 2020

MotoGP, Joan Mir: “Ho soffiato il podio n°200 a Valentino Rossi”