Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Marc Marquez difficile da analizzare”

Andrea Dovizioso sottolinea l'avanzata delle Yamaha in una stagione dove grip e gomme giocano un ruolo variabile. L'unica certezza è Marc Marquez.

30 settembre 2019 - 13:28

Dopo la giornata di allenamento a Dorno con il motocross Andrea Dovizioso si è imbarcato verso l’Oriente per affrontare il primo dei quattro appuntamenti asiatici. Prima di approdare in Thailandia il pilota Ducati ha fatto visita al Buddh International Circuit, in India, che nei prossimi anni potrebbe entrare nel calendario MotoGP.

Un evento organizzato dalla casa emiliana in collaborazione con Shell India per la giornata inaugurale dell’India Ducati Riders Day. L’evento è stato contrassegnato da sessioni di allenamento in pista, con la partecipazione di oltre cento motociclisti, al fine di stabilire un legame più forte con i loro clienti. Andrea Dovizioso ha parlato delle sue esperienze con la Ducati su piste fortemente competitive e del ruolo cruciale svolto dagli oli motore nel mantenimento della salute di una moto. Concluso il week-end commerciale il vicecampione è volato in direzione Thailandia per affrontare il non facile impegno di campionato.

DOVIZIOSO E I ‘NUOVI’ AVVERSARI

L’obiettivo è concludere al meglio la stagione 2019 MotoGP e blindare il secondo posto per il terzo anno consecutivo. Un traguardo non certo scontato, secondo l’ad Claudio Domenicali, se davanti c’è un ‘marziano’ come Marc Marquez. Ma dopo la pausa estiva il Ducati Team si è accorto di doversi guardare le spalle dall’ascesa Yamaha. “I nostri avversari lavorano molto  duramente“, ha sottolineato Andrea Dovizioso, reduce da una strepitosa rimonta ad Aragon che lo ha portato in seconda piazza.

Difficile fare previsioni in un campionato dove gomme e asfalto si rivelano variabili impazzite: “I piloti Yamaha sono stati veloci ad Aragon nelle sessioni di prove libere. Ma hanno avuto un po’ più di problemi in gara. Penso che sia perché il grip in gara è diverso e devi guidare in modo diverso. Credo che siano migliorati in alcune aree e non in altre. A volte stanno meglio, ad esempio a Misano. È sempre una storia a sé stante“. L’unica certezza è il ritmo del campione in carica: “L’unica cosa strana è Marc, è difficile da analizzare, perché è sempre avanti. In ogni gara – ha concluso Andrea Dovizioso – sta lottando per la vittoria, è molto, molto difficile. Certamente fa la differenza“.

1 commento

KARAMELLA
19:55, 30 settembre 2019

MARQUEZ VINCE A anke con la HONDA INFERIORE figuriamoci ORA ke ha un MOTORE SUPER a farla CURVARE ci pensa LUI un FUORICLASSE

POTRESTI ESSERTI PERSO:

48 lorenzo dalla porta

Lorenzo Dalla Porta e Alex Márquez campioni in Australia se…

Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo-Honda: massima intesa dopo Motegi

jeremy alcoba gresini moto3

Moto3: Jeremy Alcoba nel Mondiale 2020 con Gresini