MotoGP, Andrea Dovizioso: “Le voci su Honda non sono la realtà dei fatti”

Andrea Dovizioso inizia bene il suo fine settimana a Valencia, ma aleggia lo spettro di una azione legale contro Ducati..

13 novembre 2020 - 19:15

Andrea Dovizioso non ha molto da chiedere al mondiale per quanto riguarda al titolo dalla quale si è tirato fuori lui stesso, ma può ancora sperare nella top 3 mondiale. Il pilota italiano ha iniziato il secondo weekend di Valencia in modo migliore rispetto a sette giorni fa, ma c’è ancora del lavoro da fare. A tenere banco inoltre c’è ancora la penalità inflitta a Yamaha, tema ancora caldo dalla scorsa settimana.

Nelle ultime ore si è parlato anche di possibili azioni legali contro Ducati, ma Dovizioso cerca di glissare: “Se dicessi qualcosa il mio manager mi ucciderebbe (risata, ndr). Non ho nessuna risposta, vedremo”, cerca di chiudere Dovi. L’argomento penalità Yamaha rimane però scottante: “Non ho ancora le risposte che cerco, è strano per tutti. Qualcuno lo ha detto, altri sono rimasti in silenzio, ma tutti pensano la stessa cosa. Ribadisco che non credo sia normale ciò che è accaduto”.

“Tutte le storie non le potete sapere, ma sarebbe brutto che il rapporto con Ducati finisca a carte firmate. Sono uno buono che cerca di avere sempre rapporti buoni quando c’è la possibilità”, prosegue Dovizioso. “Non c’era intenzione di creare della tensione; se dipendesse da me sarebbe finita in modo diverso, ma non è così!”.

Con quale spirito affronterà allora Andrea le ultime due gare della stagione? “Gli animi sono contrastanti, alla fine bisognerebbe guardare solo i lati positivi e goderseli visto che potrebbero essere le ultime gare. È dura perché non siamo veloci e alla fine comanda il feeling che hai con la moto”. Dovi torna anche a commentare le voci su Honda: “Si sta parlando tanto di cose che non sono la realtà dei fatti. Con Honda abbiamo provato a creare una situazione ma alla fine si è preso una decisione e siamo tranquilli. Le voci che sono uscite a riguardo non sono reali”.

Andrea Dovizioso: “Partire davanti importante”

Passando alla pista, la seconda Valencia sembra sorridere un po’ più a Ducati: “Non so la ragione per la quale le Ducati siano più veloci rispetto a settimana scorsa. La pista è veloce e le condizioni sono ottime per andare forte. Quasi tutte le Ducati sono rapide! Noi abbiamo lavorato su alcuni dettagli e sono felice perché posso frenare un po’ più forte e avere più feeling davanti. Con un piccolo cambiamento nel pomeriggio sono anche riuscito ad essere più costante, ma dobbiamo migliorare 2/3 decimi per poter lottare con il gruppo di testa”.

A fare la differenza potrebbero essere le qualifiche: “Partire nelle prime due file cambierebbe molto. Il fatto che siamo tutto vicini però rischia di farci saltare dalla 5° posizione alla 15° in un attimo, i distacchi sono davvero molto ridotti! Oggi il feeling non era male, ma a Valencia basta poco per fare uno step che in gara può rivelarsi molto grande. Dovremo rimanere concentrati e focalizzati sull’obiettivo. Spingeremo forte per arrivare nei primi 3 in campionato, ma non sarò facile perché abbiamo sempre perso punti invece che guadagnarli”.

2 commenti

Max75BA
20:26, 13 novembre 2020

…in questa stagione preferisco Morbidelli nei primi 3, il Dovi mi ha deluso

    marcogurrier_911
    21:57, 13 novembre 2020

    Poco ma sicuro

POTRESTI ESSERTI PERSO:

miller motogp

MotoGP, Jack Miller: “Non potrò mai ringraziare abbastanza Ducati Pramac”

MotoGP, Carmelo Ezpeleta boss Dorna

MotoGP, Ezpeleta: “Calendario 2021 con 18 GP, Marquez senza obblighi”

canet moto2

Moto2, Aron Canet best rookie: “Peccato per la gara, nel 2021 obiettivi più alti”