MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Jorge Lorenzo non è un problema”

Andrea Dovizioso non vuole parlare di rinnovo con Ducati e preferisce concentrarsi sulla stagione MotoGP: "Jorge Lorenzo? Non ci giochiamo il posto".

21 luglio 2020 - 17:00

Andrea Dovizioso continua a far parlare dopo quel podio di Jerez conquistato a tre settimane dall’intervento alla spalla. Può considerarsi a pieno regime un contendente al titolo MotoGP, eppure sul rinnovo con Ducati ancora non c’è accordo. In un’intervista a Sportweek parla di quella sfortunata gara in motocross. “Ero teso perché mi importa sempre di cosa faccio. Quindi la tensione deve essere vista da un lato positivo. Sapevo quanto erano veloci gli altri, perché era ufficialmente una gara regionale, ma non proprio, c’erano piloti di motocross italiani ed europei, ed era la prima gara dopo il lockdown“.

Doveva essere una gara di allenamento per il vicecampione MotoGP, ma ha portato più noie che vantaggi. Andrea Dovizioso ha dovuto riconoscere che “il livello era troppo alto per me“, ma rifarebbe esattamente tutto. Ha vissuto un mondo che ha sempre sognato e che gli ha ricordato quando da bambino correva con le minicross. “Ho detto alla Ducati che questa esperienza mi avrebbe aiutato a partecipare mentalmente a un weekend di gara con tutte le pressioni e le difficoltà che c’erano. E per non arrivare a Jerez partendo da zero come la maggior parte dei piloti“.

Le voci su Jorge e l’addio di Petrux

Da mesi si rincorrono voci sul tavolo delle trattative, fino all’inserimento di Jorge Lorenzo come alternativa possibile. “Nulla è cambiato o è successo nell’ultimo mese per dire che sta andando in un modo o nell’altro. So molto bene quello che voglio e sono molto rilassato, perché ho le idee chiare su ciò che voglio“. L’attenzione è semplicemente rivolta al Mondiale, preferisce non dire quello che pensa. “Vorrei dire molte cose, ma non è questo il momento. Un giorno ne parliamo“. E il possibile ritorno di Jorge Lorenzo? “E’ ancora un campione e se ha riscoperto la voglia di correre, è bello provarci. Ma sinceramente non penso che ci troviamo nella situazione in cui entrambi ci giochiamo una sella. Quindi non è un problema“.

Dal prossimo anno non farà più coppia con l’amico Danilo Petrucci. L’arrivo di Jack Miller nel team factory “era già noto prima della fine dell’anno scorso. La Ducati la pensa in un certo modo e con i risultati della seconda metà del 2019 avevano già preso una decisione, indipendentemente dai risultati di quest’anno. Hanno dovuto prendere decisioni e, secondo me, è del tutto normale che sia stato così, anche se è stato negativo non dare a Danilo [Petrucci] l’opportunità di mettersi alla prova in questa stagione MotoGP. Che Miller abbia talento, nessuno ha dubbi, si è evoluto negli ultimi anni, ma sarà necessario vedere come questa evoluzione continuerà a giocare nel campionato“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fernandez moto3

Moto3, Brno: Raúl Fernández top nelle FP3, 15 piloti sanzionati

MotoGP, Pecco Bagnaia

MotoGP, Pecco Bagnaia: oggi si opera, ritorno in pista per l’Austria-2

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: gomma Michelin indomabile, un aiuto dall’holeshot