MotoGP: Andrea Dovizioso “Inizio di week-end positivo”

Il pilota ufficiale Honda è contento dei risultati ottenuti

24 giugno 2010 - 14:14

Il forlivese Andrea Dovizioso ha concluso al quinto posto il primo turno di prove libere sul circuito TT di Assen. Un risultato incoraggiante, visto che il pilota Honda HRC non è sempre stato brillantissimo in questa stagione, per quanto riguarda la sessione del venerdì. Per “Dovi” il risultato più importante è l’avere ben chiari quali sono i problemi da risolvere per rendere davvero competitiva la sua RC212V, fattore che unito al piazzamento odierno fa ben sperare per una lotta al vertice in questo fine settimana. I movimenti eccessivi all’anteriore accusati dal pilota italiano, se risolti, potrebbero portarlo ad una situazione di competitività davvero buona.

“Questa è stata una prima sessione decente”, commenta Andrea Dovizioso, “ed è un inizio positivo del week-end. Sicuramente dobbiamo migliorare le cose e recuperare un po’ di tempo, ma penso che riusciremo a farlo domani. Abbiamo avuto dei movimenti dell’anteriore in entrata e a metà di curva e dobbiamo risolvere questo per poter migliorare. E’ un problema che abbiamo già avuto quest’anno quindi non è una novità.

La sessione di oggi era soltanto l’inizio del week-end e penso che vedremo il vero passo sul quale potremo correre nelle due sessione di domani. Abbiamo utilizzato la soluzione più dura di gomme Bridgestone per i nostri giri veloci, quindi c’è spazio per migliorarsi con le morbide domani. Le modifiche al tracciato sono belle da percorrere nonostante forse è un po’ pericoloso se una moto cade nella curva a destra, perchè potrebbe tornare in pista nella successiva. Detto ciò, è stato un turno positivo quello di oggi e non vedo l’ora e il mio sguardo è già rivolto a domani.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Aleix Espargaro a Brno

MotoGP Brno, Aleix Espargarò: “Dimenticare il disastro di Jerez”

bradl motogp

MotoGP: Prove di holeshot per Suzuki e Honda a Brno

MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Ducati ufficiali KO: la teoria del complotto Michelin