MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso-Honda: l’affare non è impossibile

Andrea Dovizioso diventa perno centrale del mercato piloti MotoGP. Il forlivese lancia un invito alla Honda: "Confrontarmi con Marc Marquez sarebbe bello".

22 febbraio 2020 - 11:14

Dopo l’inizio di mercato MotoGP scintillante, Ducati non può che appigliarsi ad Andrea Dovizioso per il prossimo biennio. Ma il forlivese, forte della nuova posizione, non manca di lanciare segnali di fumo nel paddock. In occasione della presentazione del docu-film ‘Undaunted’, ha teso la mano alla Honda e sarebbe davvero un colpo basso! “Non credo sia possibile, anche se mi piacerebbe molto confrontarmi con un campione come lui (Marc Marquez, ndr)”. Ma poi preferisce lasciare le situazioni contrattuali a chi di dovere e fuori dalla sfera pubblica: “In questo momento voglio solo prepararmi al meglio per puntare al Mondiale“.

Stavolta l’impresa potrebbe rivelarsi più difficile del solito. Nelle ultime tre stagioni MotoGP la Desmosedici di Andrea Dovizioso si è rivelata l’unica moto capace di mettere il bastone tra le ruote a Marquez. Ma già nella seconda parte del campionato 2019 Yamaha ha fatto un grande salto di qualità, confermato nel primo test in Malesia. “Tutte e quattro le Yamaha saranno competitive, quanto lo sarà Rossi non lo so e forse non lo sa nemmeno lui – ha detto a Sky Sport -. È alla ricerca di quel poco di velocità in più che non ha avuto nel Mondiale 2019“.

Il vicecampione del mondo attende la proposta di Borgo Panigale, vuole fare parte di un progetto vincente. Se è vero che le selle più bollenti sono ormai assicurate, non è detto che non ci siano posti vacanti. Honda in passato ha dimostrato di saper togliere pedine fondamentali agli avversari. Basti vedere il caso Jorge Lorenzo.  Andrea Dovizioso ha lanciato un chiaro monito a Ducati e un sottile invito a HRC. D’altronde Cal Crutchlow non ha ancora sciolto i dubbi sul suo futuro, un’altra RC213V factory potrebbe liberarsi per il prossimo anno. Una cosa sembra ormai certa: adesso il mercato piloti della MotoGP ruota interamente intorno a DesmoDovi.

2 commenti

Max75BA
17:38, 22 febbraio 2020

…la Ducati si meriterebbe l’abbandono del Dovi per il trattamento riservatogli…

    giosaffatto_14412193
    11:24, 23 febbraio 2020

    E’ vero, Ducati meriterebbe di essere lasciata a piedi dal Dovi. Negli ultimi anni Andrea è stato l’unico in grado di dare delle grane a Marquez. E’ stato l’unico che ci ha fatto sognare il mondiale. Con calma, dedizione e pazienza. Sì, perchè lui non ha il fare della superstar, non ha il fare della “prima donna”, non ha il fare dello showman. E ci piace anche per questo. E quando Ducati ha preso Lorenzo, ha anche relegato il Dovi a seconda guida, nonostante i numerosi successi ottenuti. Nulla di ufficiale, certo,ma era abbastanza chiaro a tutti. Così come al Dovi stesso,credo. E come già successo in passato, anche quest’anno si ha un pò la sensazione che Ducati confermi il Dovi non per reale volontà,ma solo perchè non riesce ad ottenere una valida alternativa dal mercato piloti,peraltro disastroso anche quest’anno. E allora viene da pensare che a Ducati serva proprio una bella lezione.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Splendida la rivalità con Casey Stoner”

ilmor x3 motogp

MotoGP: La meteora Ilmor X3 e gli X-Men

MotoGP, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi

Jorge Lorenzo: “Valentino Rossi era un avversario migliore di me”