Andrea Dovizioso a Le Mans

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Bisogna migliorare per stare davanti”

Andrea Dovizioso chiude 5° il venerdì di Le Mans. Il pilota Ducati non è soddisfatto del feeling con la GP19: "Per stare davanti bisogna migliorare".

17 maggio 2019 - 16:18

Secondo crono al mattino per Andrea Dovizioso a Le Mans che firma 1’32″113. Al pomeriggio riesce a migliorare il suo riferimento, ma anche la concorrenza avanza: quinto nelle FP2 in 1’31″736. Il forlivese ha studiato la gomma Soft al posteriore, ma la scelta per la gara potrebbe ricadere sulla media, oltre a lavorare sui setting della GP19.

Al sabato si prevede pioggia e la sua prestazione potrebbe bastare per accedere alla Q2, ma il Dovi non è soddisfatto. “Sto andando più forte dell’anno scorso quindi siamo nel gruppo. Il feeling non è ottimo, siamo messi abbastanza bene, la moto si comporta bene – ha spiegato a Sky Sport MotoGP -. Ma certe cose non mi danno un gran feeling, non sono riuscito a fare il passo che volevo. Due turni importanti in cui abbiamo lavorato parecchio, abbiamo migliorato due set-up, ma non basta“.

Prosegue il lavoro su ciclistica e setting, soprattutto per migliorare la percorrenza di curva nel settore finale del tracciato. “Dobbiamo essere bravi a capire la direzione e vedere se riusciremo a fare altri turni sull’asciutto“, ha aggiunto Andrea Dovizioso. “Abbiamo fatto parecchi giri sulle morbide, perché sono più morbide dell’anno scorso e volevamo capire. Non è male, siamo andati forte, ma non so se può essere la gomma da gara. Domani proveremo altre gomme. Si può recuperare in partenza, bisogna migliorare certe piccole cose per stare là davanti“.

In Testa” l’autobiografia di Jonathan Rea in vendita qui: https://www.hobbyautoemoto.it/shop/libro-jonathan-rea/libro-autobiografia-jonathan-rea/ oppure ordina via mail qui: books@corsedimoto.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”