Alex Rins

MotoGP, Alex Rins rincorre il suo terzo sogno

Dopo l'esordio in MotoGP nel 2017 e la vittoria ad Austin, Alex Rins rincorre il terzo grande sogno della sua carriera: vincere il Mondiale!

26 aprile 2019 - 8:33

Alex Rins corre la sua ottava stagione nel Motomondiale, la terza in MotoGP. Ha sfiorato i titoli Moto3 nel 2013 e Moto2 nel 2015 e dopo la recente vittoria ad Austin, la prima in classe regina, vive uno dei suoi migliori momenti in carriera. “Ognuno ha dei sogni. Entrare in MotoGP e unire le forze con il Team Suzuki per me è stato un sogno raggiunto nel 2017. A quel tempo, da esordiente nella Top Class, una vittoria sembrava molto lontana. E anche se si avvicinava sempre di più, ti chiedi se davvero può capitare a te. Forse è uno dei sogni più difficili da raggiungere al mondo“.

I cinque podi della scorsa stagione, l’ottimo passo gara dei test invernali avevano fatto prevedere un’imminente vittoria di Alex Rins, da alcuni additato come candidato al titolo. Ad agevolare il trionfo texano è arrivata la caduta di Marc Marquez, che ha dato vita ad una bella sfida con Valentino Rossi. “Contro le aspettative e quasi per sorpresa abbiamo raggiunto qualcosa di magico, reso ancora più speciale dal momento che era inaspettato. Avevo già vinto in Moto3 e Moto2 ad Austin ed è una pista difficile, molto tecnica, inesorabilmente lunga, con caratteristiche insolite. Ma nonostante il mio successo passato lì, non avrei mai immaginato di vincere qui la prima gara in MotoGP“.

RINS LASCIA IL SEGNO AD AUSTIN

Alex Rins è l’unico pilota ad aver vinto sul COTA in tutte e tre le classi, un piccolo record che rende onore alla sua indomita costanza. Ha dovuto sudare sette camicie per mettere i piedi sul gradino più alto di Austin, prima nel sorpasso ai danni di Miller, poi di Rossi. “Quando sono arrivato davanti a Valentino ho pensato che sarei stato di nuovo sorpassato, pensavo quanto fosse cruciale evitare ogni errore fino alla fine. E’ stato davvero difficile sotto pressione, anche se incredibilmente emozionante uscire dall’ultima curva prima del rettilineo“. Un’emozione incontenibile che resterà scolpita nella mente del pilota per sempre. Parte del merito va all’impeccabile lavoro svolto dai tecnici Suzuki e al suo stile di guida capace di preservare le gomme come pochi altri. “Quando ho tagliato il traguardo ho visto tutta la mia squadra risalire il muro di cinta e non avrei potuto essere più felice. Poi, quando sono arrivato al Parc Ferme e ho visto tutti lì a festeggiare come matti! Le emozioni mi hanno investito! La festa è proseguita nel box, tutti insieme, cantando e ballando, filmando video, scattando foto, immortalando il momento“.

La prossima sfida in programma fra una settimana si terrà davanti al pubblico di casa, sul tracciato di Jerez de la Frontera, prima tappa stagionale in Europa. Se ad inizio campionato l’obiettivo era vincere almeno una gara, adesso alza l’asticella e proverà a ripetersi. In attesa di poter esaudire il terzo sogno: vincere il Mondiale. “Ora è il momento della prima gara in Europa, il quarto round della stagione 2019. Ed è Jerez, uno dei posti più emozionanti da guidare – ha concluso Alex Rins -. Andremo di nuovo tutti fuori, davanti ai miei fan e agli spagnoli, per questo weekend di gara davvero emozionante“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kymiring motogp

MotoGP: Primo test al Kymiring per i collaudatori

Silvano Galbusera

MotoGP, Silvano Galbusera: “Valentino Rossi supera la telemetria”

Romano Albesiano

MotoGP, Albesiano: “Andrea Iannone fatica ad adattarsi all’Aprilia”