MotoGP, Alex Rins: “Mugello pista difficile ma elettrizzante”

Suzuki a caccia di buoni risultati al Mugello. Alex Rins vuole tornare a lottare al vertice, Joan Mir punta a liberarsi della sfortuna che ha condizionato le ultime gare.

29 maggio 2019 - 17:03

Sesto appuntamento della stagione 2019 per Suzuki. Alex Rins e Joan Mir si ritrovano ad affrontare un tracciato storico e particolarmente impegnativo come quello del Mugello, un mix di varie situazioni immerso tra le colline della Toscana. L’obiettivo è fare decisamente meglio dell’appuntamento a Le Mans, con Rins che non è andato oltre la decima piazza finale, il suo peggior risultato stagionale. Il rookie spagnolo invece vuole dimenticare lo strano incidente nel warm up lap che ne ha pesantemente condizionato la gara: ha chiuso 16° e doppiato.

Alex Rins non ha mai vinto al Mugello, anzi, i suoi unici piazzamenti sul podio sono un secondo ed un terzo posto ottenuti quando ancora correva in Moto3. “Il tracciato del Mugello è uno dei più difficili anche uno dei più elettrizzanti dell’intero campionato” ha dichiarato. “È sempre bello competere su questa pista, illuminata anche da pubblico incredibile. A Le Mans abbiamo disputato una gara conservativa ed abbiamo conquistato punti importanti in ottica campionato. Dobbiamo però imparare dai nostri errori e diventare più costanti. Il Mugello sarà un test importante: dobbiamo fare bene in qualifica e sfruttare il nostro pacchetto tecnico, in cui ho cieca fiducia.”

Un solo piazzamento sul podio per Joan Mir sulla pista toscana, un terzo posto conquistato l’anno scorso in Moto2. Lo spagnolo cerca la svolta in una stagione d’esordio finora difficile. “Il Mugello mi piace molto” ha detto il rookie verso il GP d’Italia. “Si tratta di un tracciato che regala tanta adrenalina, non vedo l’ora di provarla in sella ad una MotoGP! Ho avuto il tempo di superare il disappunto per la tappa a Le Mans e voglio sbarazzarmi della sfortuna che abbiamo avuto finora. Ho fiducia nella squadra e nella moto, il Mugello sarà difficile ma stiamo lavorando bene e siamo ottimisti. I fan attorno a noi ci daranno un’ulteriore spinta.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”