MotoGP, Alex Rins

MotoGP, Alex Rins: “Impensabile vedere Marc Marquez in scia”

Alex Rins affronta un inizio di stagione MotoGP particolarmente difficile. Ma non va meglio al suo compagno di box Joan Mir e al pluricampione Marc Marquez.

17 giugno 2021 - 8:27

Dopo l’incidente alla vigilia del GP di Catalunya, Alex Rins sarà sulla griglia della MotoGP al Sachsenring. Va alla ricerca del primo podio stagionale, ma soprattutto guadagnare punti da aggiungere al magro bottino fermo a quota 23. Quattro cadute consecutive sono una legnata psicologica per chiunque, il titolo iridato è ormai sfumato. Serve un riscatto mentale, prima che sportivo. Poi la caduta in allenamento sul circuito del Montmelò, la ciliegina amara di una torta difficile da digerire.

L’infortunio alla mano destra non gli permetterà di arrivare al Sachsenrig in buone condizioni. “Mi sento bene, ho ancora un po’ di fastidio nel muovere la mano, ma era già chiaro che non sarebbe stato facile, quindi proveremo a dare il massimo“. In questa stagione MotoGP prima di ogni avversario c’è la sfortuna. “Il mio più grande rivale sono le cadute – ammette a ‘Hawkers Motorsport’ -. In Germania usciremo con una nuova configurazione per vedere se mi dà qualche informazione in più sull’avantreno, che è dove abbiamo più difficoltà“.

Momenti no per Mir e Marquez

Non è un buon periodo neppure per il campione in carica e compagno di box Joan Mir. Non manca qualche critica nei suoi confronti, anche da parte di ex campioni come Jorge Lorenzo. “Ha conquistato il titolo essendo il più costante in pista. È stato quello che ha terminato più gare, quello che ha fatto meglio. Alla fine penso che sia un titolo assolutamente meritato. È vero che si sentono critiche, dicono che non è stato il più veloce in pista, che ha vinto solo una gara… È stato il più costante e in questo sport la costanza ripaga“.

Non è un buon momento neppure per Marc Marquez, reduce da un lungo infortunio da cui ancora deve recuperare. Questo lo costringe ad atteggiamenti in pista anomali per un sei volte campione MotoGP. “Quando Marc è tornato è stato bello potere ricondividere momenti con lui in pista, ma è vero che si vede che sta passando un momento difficile. Sapevamo che l’infortunio che ha subito era grave, ma vedere Marc in scia ad altri piloti in una Q1… è qualcosa che non avrei mai pensato di vedere“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Foto: Getty Images

1 commento

FRA 1988
13:10, 17 giugno 2021

Con tutto il rispetto per Rins ma non vale nemmeno lontanamente Mir o Marquez. Rins è uno sciupone che
in tutta la sua carriera ha sempre mostrato limiti di tenuta nervosa non da campione.In Moto3 ha perso un mondiale per colpa di cadute( vinto da Vinales nel 2013),nella Moto2 ha trovato Zarco che lo batteva regolarmente. Purtroppo per lui ha sempre trovato uno più bravo.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Ducati Misano

MotoGP: 23.000 spettatori al giorno per il GP a Misano, c’è la conferma

Valentino Rossi

Valentino Rossi ritorna in pista… con un occhio alle Olimpiadi

Jorge Aspar Martinez

Jorge Martinez: “Valentino Rossi mi ha fatto ritirare”