alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Gara di strategia. Se non funziona, full gas!”

Alex Rins verso la prima gara della stagione. Sottolinea il punto debole della Suzuki in rettilineo, ma è pronto a lottare. "Non sembriamo da podio, ma chissà..."

28 marzo 2021 - 11:15

Nona casella in griglia per Alex Rins, appena davanti al compagno di box. Non proprio il risultato che avrebbe voluto, ma non è nemmeno il peggiore possibile, anche se ha pagato comunque sette decimi dal tempo record di Bagnaia. Ma come si dice, i punti arrivano in gara ed il pilota #42 è pronto alla battaglia. Allineandosi ai colleghi, non si attende un ritmo molto alto, ma bisognerà sfruttare i punti forti della Suzuki rispetto ai punti deboli, su tutti la velocità in rettilineo. Sperando di riuscire a portare il blu della casa di Hamamatsu in alto.

“Sono abbastanza contento delle qualifiche, sono riuscito a migliorare il mio tempo, anche se mi aspettavo qualcosa di più.” Continuano insomma ad esserci le note difficoltà sul giro secco per i piloti del team giapponese. Anche se la nona casella è un buon punto di partenza. “Non fantastico, ma neanche male. ma è cambiato il feeling rispetto a venerdì, quand’ero riuscito a fare tutto in maniera più semplice. Le condizioni della pista erano diverse, ma abbiamo anche fatto qualche cambio sulla moto in termini di elettronica.” E non risparmia una battuta: “Forse con più palle sarei stato più veloce…”

Per la gara, “Dovremo fare un po’ di strategia. Non è ben chiaro il ritmo che terranno gli altri, ma penso sia difficile tenere un 1:54 basso. Se spingiamo troppo fin dall’inizio roviniamo le gomme. Se non funziona, il piano B sarà full gas!” Insomma, il pilota spagnolo si conferma pronto alla battaglia. “Sembra non sia in lotta per il podio, ma in gara cambia sempre tutto” ha dichiarato. “Vedremo se riusciremo a portare il blu in alto, se non altro ci proveremo!” Punti forti? “Direi quasi tutte le curve della pista, tranne il rettilineo. Abbiamo provato nelle FP4, potevamo agganciarci alla scia degli altri, ma non eravamo in grado di superare.”

Come evidenziato da tutti, su questa pista si consumano parecchio le gomme. Ma non sembra essere una difficoltà per Rins. “Il posteriore si degrada ma non abbiamo troppi problemi, mi posso difendere. Abbiamo provato durante le libere, ho messo assieme parecchi giri. Lo stesso succede con l’anteriore. Ma tutto dipenderà anche dal ritmo che sarà tenuto in gara, per il momento è difficile fare qualche previsione.” Sottolinea anche che “Stiamo spingendo perché mettano il device. Anche se già in passato siamo riusciti a lottare senza…”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

1 commento

Makiland
12:18, 28 marzo 2021

La prima opzione è inutile, la seconda é obbligatoria !

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Sandro Garbo celebra Rossi in fumetto “Il mio Vale regala sorrisi”

brad binder motogp

MotoGP, Brad Binder miglior KTM: “Quasi con il gruppo del podio”

canet moto2

Moto2: Aron Canet, l’emozione del primo podio in classe intermedia