MotoGP, Alex Marquez

MotoGP, Alex Márquez: “La convivenza con Marc? Più facile del previsto”

Alex Márquez punta alla top-8 e al 'best rookie' nella sua prima stagione in MotoGP. "La convivenza con Marc? Più facile del previsto".

27 dicembre 2019 - 11:07

Alex Márquez sarà una delle grandi sorprese della stagione MotoGP 2020. Nel paddock di Valencia non si parlava di altro sin dal sabato, quando le voci della firma si intensificavano di ora in ora. Una mossa di mercato per certi versi inattesa e che ha scavalcato l’opzione più scontata di Johann Zarco. Merito di Emilio Alzamora che in poche ore ha preso la palla al balzo dopo l’addio annunciato di Jorge Lorenzo. “Sapevamo che la Honda sia una moto complicata – ha detto allo spagnolo ‘AS’ -. Ho detto sì, che ero pronto per la sfida… Poi l’incontro con Puig e Kuwata-san si è tenuto lunedì“.

Lunedì pomeriggio è arrivata la firma e il giorno dopo è sceso in pista con la RC213V del team LCR. Dopo una sessione di test in cui ha preso le misure, la settimana dopo a Jerez ha dimezzato il gap dal miglior crono. “Non posso dire adesso cosa accadrà. Per ora sono lontano… È chiaro che un podio nella prima stagione sarebbe qualcosa di carino, ma prima voglio concentrarmi sulla preseason, senza pressioni. Voglio concentrarmi sul mio lavoro, passo dopo passo, e nell’ultimo giorno di test del Qatar posso dirti se siamo vicini o lontani dal podio“.

LA CONVIVENZA CON MARC

Alex Márquez punta a chiudere la sua prima stagione in MotoGP tra i primi otto e come miglior rookie. Sarà inevitabile subire la pressione “familiare”, essendo il fratello di Marc. “Ho imparato a conviverci ed è qualcosa che non mi disturba nemmeno, mi è indifferente. È chiaro che subirò la pressione, ma sono rimasto con la tranquillità che Puig, Kuwata-san e tutta la Honda mi hanno trasmesso dal primo momento. Mi è stato detto: “Sei qui, sei nella squadra migliore in cui potresti essere, con la migliore opportunità. Calma, non forzare per nulla”.”

Il vero obiettivo sarà riconquistare la fiducia della Honda e guadagnarsi il rinnovo di contratto, stavolta per due anni. Del resto suo fratello Marc Márquez saprà come rendere meno ossessiva la convivenza nel box. “Condividere il box con lui è normale – ha spiegato Alex Márquez -. Ognuno si concentra sul suo lavoro, tutto è più normale di quanto mi aspettassi… Alla fine essere un pilota della MotoGP comporta tutto questo, ma di più se fai parte di una squadra come la Repsol Honda“.

1 commento

Max75BA
9:15, 28 dicembre 2019

…Alex correrà nel miglior team della motogp, sulla moto dominatrice degli ultimi anni e avrà il fratello come compagni di squadra e consigliere…vedremo se riuscirà almeno a replicare i risultati di Quartararo…vedremo!!!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Bella vita, ma sei sempre sotto pressione”

MotoGP Fabio Quartararo

MotoGP, GP Catalogna: Chi l’ha detto che bisogna prendersi troppo sul serio?

aron canet moto2

Moto2: Aron Canet operato per sindrome compartimentale