8 Agosto 2022

MotoGP, Alex Marquez gela la Honda: “Ducati è competitiva”

Alex Marquez deluso dai risultati maturati nella stagione MotoGP 2022. Ducati è la speranza per il suo futuro nel Mondiale.

MotoGP, Alex Marquez

Un altro Gran Premio da archiviare per la Honda e Alex Marquez che lascia Silverstone fuori dalla zona punti. Dopo un ottimo primo giro che lo ha visto guadagnare cinque posizioni, il pilota del team LCR si è ritrovato 17° al termine dei 20 giri di gara. Un errore nella configurazione dell’elettronica ha provocato grossi problemi con l’aderenza della gomma posteriore e una perdita di potenza sui rettilinei. Le speranze del due volte iridato sono ormai riposte al suo futuro in Ducati dalla prossima stagione MotoGP.

Con Gresini Racing ha firmato un contratto biennale e affiancherà Fabio Di Giannantonio fino al 2024. Deve prima mettersi alle spalle un Mondiale 2022 a dir poco deludente, in cui ha centrato solo due volte la top-10 in dodici gare. E’ andata decisamente meglio nel suo anno di esordio in MotoGP (2020) quando è riuscito a raccogliere due podi, poi ha sempre faticato a trovare il feeling con la moto. Soprattutto dopo che l’assenza di suo fratello Marc Marquez ha iniziato a farsi sentire ai box HRC, dove hanno perso un po’ la bussola dell’evoluzione.

Futuro MotoGP in Ducati

Non aveva altra scelta che cambiare, Alex Marquez ha deciso di puntare sulla Ducati. In questo momento sembra l’unica moto capace di portare sul podio veterani e rookie, versatile e veloce. La Desmosedici offre una garanzia che Honda attualmente non può fornire: “La sicurezza di sapere che è una moto che funziona e che dipende dal pilota, questo è quello che voglio, cioè loro hanno quell’opportunità. È una cosa che mi motiva molto“, ha detto a Dazn. “E’ una moto che funziona con molti stili di guida e che all’inizio sarà sicuramente difficile, c’è una modalità di adattamento e tutto il resto. Voglio una moto competitiva e il resto tocca a me”. Dal prossimo campionato MotoGP i fratelli Marquez competeranno per marchi diversi e dovranno rispettare la riservatezza. “Abbiamo molte cose di cui parlare e che non riguardi le moto. Cercheremo di essere il più professionali possibile. Non gli darò informazioni, e lui non le darà a me“.

Lascia un commento