espargaro motogp misano

MotoGP: Aleix Espargaró top a Misano. Albesiano: “Scelte fatte per Jerez”

Aleix Espargaró chiude i test a Misano con il miglior tempo. Smith 'ridiventa pilota', Savadori prova la RSV4 e la RS-GP. Aprilia fiduciosa verso Jerez.

25 giugno 2020 - 21:44

Chiusi tre giorni di test privati MotoGP a Misano, con Aprilia tra i protagonisti. La squadra di Noale si è presentata con tre piloti, ovvero Aleix Espargaró (autore del miglior crono assoluto dei tre giorni), Bradley Smith e Lorenzo Savadori. Un ritorno per lo spagnolo, che nella precedente occasione non era riuscito a raggiungere l’Italia per i problemi di spostamento legati al Covid-19. Tanti giri assieme a quello che sarà il suo compagno di box per (almeno) i primi due GP, ovvero Smith, mentre l’italiano ha girato sia con la RSV4 che con la RS-GP.

MIGLIOR TEMPO PER ESPARGARO

Ben 183 giri completati ed il cronometro fermo su un 1:32.932 per Aleix Espargaró. L’unico pilota ufficiale ora rimasto ad Aprilia ha limato il miglior tempo fatto in precedenza da Pol Espargaró (primo giorno) e Miguel Oliveira (secondo giorno), entrambi assenti visto che KTM ha chiuso i test ieri. Bradley Smith ha completato invece ben 207 tornate e stampato un 1:33.536 come best lap, oltre ad una scivolata senza conseguenze. Lorenzo Savadori ha invece lavorato per due giorni sulla RSV4 1100 con cui correrà nel CIV Superbike, per poi realizzare la giornata odierna in sella alla RS-GP 2019 (come già fatto in precedenza).

RIPRESO IL FILO TECNICO

Prove importanti anche per prendere sempre più confidenza con le nuove regole di sicurezza imposte dopo l’emergenza sanitaria. Oltre ad avere per tre giorni temperature piuttosto alte, condizioni che i piloti affronteranno in ripartenza, visto che il nuovo calendario scatta il 19 luglio. Ma Aprilia ha ripreso anche il lavoro di tipo tecnico: ricordiamo in particolare che il motore per la stagione 2020 dev’essere omologato entro il 29 giugno, quindi tra pochi giorni. Senza trascurare ciclistica ed elettronica, più tanti piccoli dettagli di una moto particolarmente rinnovata rispetto alla scorsa annata.

ESPARGARO: “CONFERMATE IMPRESSIONI POSITIVE”

Emozionato Aleix Espargaró, che è riuscito a tornare in sella alla RS-GP per la prima volta dopo il lungo stop forzato. “Non vedo già l’ora di andare a Jerez” ha dichiarato. “Per noi girare tanto è fondamentale. Abbiamo una moto completamente nuova che, seppure nata con un gran potenziale, ha bisogno di chilometri. Sappiamo anche che Misano non è la nostra pista preferita. Nonostante questo alla fine dei tre giorni siamo riusciti a raggiungere un buon ritmo, confermando le impressioni positive che avevo avuto in Malesia ed in Qatar.”

SMITH: “STEP DA COLLAUDATORE A PILOTA”

Per Bradley Smith, un test utile per ‘lasciare’ il lavoro di collaudatore e ‘ridiventare’ pilota, in vista dei primi GP stagionali. “Dovevo fare uno step fisico e mentale e credo di esserci riuscito, specialmente in questa ultima giornata” ha sottolineato. “Per noi in questo momento è fondamentale fare esperienza su questa nuova moto, raccogliere dati e capirne le reazioni. Ci sono ancora molti aspetti che dobbiamo esplorare per sfruttare tutto il potenziale del nuovo progetto. Da parte mia so di avere ancora del margine, la prestazione di Aleix lo dimostra. Il distacco si è ridotto e mi sento molto più a mio agio nel portare al limite la RS-GP 2020.”

SAVADORI: “CAPISCO SEMPRE PIU’ LA RS-GP”

Come detto, attivissimo anche Lorenzo Savadori nella sua doppia veste di pilota e collaudatore. “È stato bello tornare in sella alla Aprilia MotoGP, le sensazioni migliorano ogni volta che ci salgo” ha dichiarato. “Aumenta il feeling con le gomme, con la moto, con i freni. Capisco sempre di più lo stile da adottare per iniziare a sfruttarla. Oggi ho fatto più di 80 giri e sono contento, sotto tutti i punti di vista. Con la RSV4 1100 stiamo crescendo, tra pochi giorni saremo nuovamente in pista per la prima gara al Mugello. Ho girato tanto nei tre giorni, più di 900 chilometri, ma fisicamente mi sento molto bene.”

ALBESIANO: “SCELTE FATTE PER JEREZ”

Esprime soddisfazione anche il Direttore Tecnico Romano Albesiano. “Abbiamo valutato le varie soluzioni di ciclistica, di motore e di elettronica, oltre a rodare una squadra nuova sotto molti aspetti. Anche ai piloti serviva questo test per riprendere il ritmo dopo uno stop così lungo: li ho visti crescere giorno dopo giorno. Le scelte in vista di Jerez sono fatte, molte delle novità che abbiamo preparato hanno mostrato di funzionare e sono piuttosto contento del livello generale della moto. Ci aspetta comunque tanto lavoro sui dettagli, specialmente per aumentare l’affidabilità. Lo diciamo ogni anno ma non è sbagliato farlo: il livello del campionato è salito ulteriormente e questo ci spinge ad uno sforzo ulteriore.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Danilo Petrucci-Jack Miller e Andrea Dovizioso

MotoGP, Chicho Lorenzo: “In Ducati tutti stanno fallendo”

Marc Marquez e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi-Marc Marquez: il paragone dell’ex campione

MotoGP, Marc Marquez e Alex Marquez

MotoGP, Puig: “Marc Marquez recupera più lentamente del previsto”