MotoGP, Aleix Espargarò

MotoGP, Aleix Espargarò su Pecco Bagnaia: “Le regole sono regole”

Il pilota Aprilia Aleix Espargarò si schiera con i commissari di gara dopo la cancellazione della pole position a Pecco Bagnaia nel GP di Portimao.

20 aprile 2021 - 13:32

Miglior risultato stagionale per Aleix Espargarò e Aprilia in MotoGP. Sesto posto al GP di Portimao, dopo un week-end contrassegnato da qualifiche “rivoluzionate” da bandiere gialle, dubbie invasioni del “green” e cinque piloti che non sono arrivati al traguardo. A farne le spese sono Pecco Bagnaia e Maverick Vinales, costretti a partire dalla quarta fila dopo l’intervento della Direzione Gara. Yamaha e Ducati hanno accettato di buon grado le decisioni dei commissari, pur chiedendo regole più chiare per il futuro.

A schierarsi apertamente a favore del FIM Steward Panel è Aleix Espargarò. “Mi dispiace, ma le regole sono regole. Non posso entrare nella testa di Pecco e mi fido di lui quando dice che non ha visto la bandiera“. L’alfiere Aprilia cita quanto gli è accaduto nelle prove libere del venerdì. “Sono caduto alla curva 11 e molti piloti hanno spento il gas. Ma Pecco è andato molto lungo ed è entrato nel letto di ghiaia proprio mentre io ero sdraiato e i commissari erano vicino a me“.

Per il maggiore dei fratelli Espargarò servirebbero, invece, pene più esemplari nel regolamento MotoGP. “Mi dispiace per i ragazzi che hanno perso la pole. Ma dimmi che altro possono fare i commissari e la Dorna? Hai più bandiere gialle che mai. Oppure iniziamo con bandiere gialle sul display e messaggi radio. Sì, per me i responsabili dovrebbero essere ancora più severi in questi casi“.

Nell’ultimo round MotoGP Aleix Espargarò ha piazzato l’Aprilia al sesto posto. Nelle sue cinque stagioni con la RS-GP non è mai entrato nella top-5, ma quest’anno gli ingredienti per conquistare il primo podio sembrano esserci tutti. In Portogallo è stato tradito dalle temperature alte di domenica pomeriggio, ma resta un risultato che conferma il buon stato di salute del prototipo di Noale. “Non è ancora tutto perfetto, quindi non è ancora possibile lottare per il podio o per la vittoria, ma siamo molto vicini. La moto è buona, ci vuole l’ultimo step di competitività“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Getty Images

2 commenti

makiland
11:48, 21 aprile 2021

Non credo che Pecco abbia “fatto apposta” quella uscita … Chiaritevi se non l’ avete già fatto.

Originals
14:24, 20 aprile 2021

Parla con la leggerezza di uno che la pole se la sogna. La moto e interessante, i distacchi sono diminuiti, ma lui e sempre dell sesto/ottavo posto.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco