MotoGP, Aleix Espargaro ad Aragon

MotoGP, Aleix Espargarò: “Questo è il nostro livello ora”

Aleix Espargarò ai piedi del podio nel week-end MotoGP di Aragon. Adesso l'obiettivo è chiudere la stagione tra i primi sei.

13 settembre 2021 - 21:09

Nel week-end di MotoGP ad Aragon Aleix Espargarò non riesce a bissare il podio, ma porta a casa un 4° posto che conferma l’ottimo stato di salute dell’Aprilia RS-GP. Prevale la soddisfazione, ma c’è un sottofondo di amarezza. Non è riuscito a insidiare i primi tre, ma ha tenuto alle spalle la Ducati di Jack Miller, ancora una volta. “La gara è stata molto buona. Forse sono più felice che a Silverstone in termini di prestazioni. È stata una delle gare più impegnative che abbia mai fatto“.

Inizio di gara “soft” per preservare le gomme, ma quando ha visto Pecco e Marc prendere il largo ha iniziato a spingere sul gas. “Il mio tecnico Michelin ha consigliato di essere gentile con la gomma in partenza e di non spingere troppo. La mia partenza non è stata così buona e quando ho visto Marc e Pecco spingere forte ho provato a seguirli. Quindi ho cambiato la mappatura e ho iniziato a spingere – spiega Aleix Espargarò -. Ogni volta che vedevo il tempo sul giro mi dicevo ‘La gomma sta per esplodere, non regge’”.

Nel finale la gomma anteriore non gli ha permesso di tenere il passo con Joan Mir. A quel punto la decisione migliore era preservare il 4° posto. Da qui a Valencia l’obiettivo sarà agguantare il 6° posto finale in classifica, che dista 21 lunghezze da Brad Binder. “Finire tra i primi sei in campionato è ancora più importante“. E confermare nelle restanti cinque gare i progressi della RS-GP per costruire una prossima stagione MotoGP di grande tenore. “Questo è il nostro livello ora. La cosa più importante non è solo la velocità, ma la stabilità durante tutto l’anno in modo da non avere problemi. Vincere ed essere sul podio per me è molto importante, ma la cosa più importante è la costanza, perché un giorno voglio finire tra i primi 3 del mondiale con Aprilia“.

A Roma: benessere e piacere

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Valentino Rossi non si arrabbia più”

mir motogp misano test

MotoGP, Suzuki sul motore 2022: “Non una rivoluzione, uno sviluppo”

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V