motogp jerez

MotoGP, si parte! Doppio round il 19 ed il 26 luglio a Jerez

Via libera per i primi appuntamenti del 2020. Il Mondiale MotoGP scatta il 19 e 26 luglio a Jerez, segue un round Superbike sempre sulla stessa pista.

7 maggio 2020 - 11:29

Stagione a due ruote al via dopo una lunga pausa forzata. Il 19 e 26 luglio il Motomondiale sarà protagonista a Jerez, il 2 agosto sarà la volta della Superbike. Siglato in mattinata l’accordo con i rappresentanti della regione e del comune per dare ufficialmente il via ad una stagione (in particolare MotoGP) condizionata dall’emergenza sanitaria. Chiaramente il tutto si svolgerà a porte chiuse e con il personale ridotto al minimo indispensabile.

Il nuovo calendario 2020 del Motomondiale compie un primo passo importante verso una ‘nuova normalità’. Si tratta del risultato di una riunione virtuale tra il CEO Dorna Carmelo Ezpeleta, il vice-presidente del Governo andaluso Juan Marín ed il sindaco di Jerez Mamen Sánchez. Quest’ultima aveva parlato molto recentemente di “offerta da non rifiutare” per diventare il nuovo punto di partenza dei campionati 2020.

“Siamo giunti ad un accordo con Dorna” ha annunciato Juan Marín. “Il Mondiale MotoGP disputerà due prove a Jerez il 19 ed il 26 luglio, a cui aggiungere un round Superbike il 2 agosto. Ora dobbiamo inviare al governo spagnolo la richiesta per poter garantire la sicurezza e la salute di tutti i partecipanti. È una splendida notizia e vogliamo ringraziare tutte le parti per la fiducia e gli sforzi compiuti per organizzare questi eventi.”

Da tutti quindi c’era fin da subito la volontà di giungere ad un accordo per permettere a questa annata di accendere i motori. Arriva il tanto agognato esordio stagionale anche per la categoria MotoGP, visto che nel round inaugurale in Qatar abbiamo visto solo Moto2 e Moto3. Per queste ultime classi quindi, come per il Mondiale Superbike, si tratterà del secondo appuntamento dell’anno, quello della tanto attesa ripartenza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Quartararo: “Rossi e Lorenzo i miei modelli”

motogp

Elvio Deganello, ancora grave l’ingegnere Suzuki MotoGP dopo l’incidente MX

MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Jack Miller: “Grazie Pramac, ma il 2020 non è ancora finito”