michele pirro misano motogp

MotoGP: A Misano c’è anche il tester Ducati Michele Pirro

Ducati si presenta a Misano con Michele Pirro accanto a Dovizioso e Petrucci. Seconda wild card del 2019 per il leader del CIV Superbike.

11 settembre 2019 - 14:47

Ducati a tre punte questo fine settimana a Misano. Michele Pirro affiancherà ancora una volta gli ufficiali Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Seconda occasione mondiale per il tester Ducati, che ha corso quest’anno per la prima (e finora unica) volta al Mugello. Ottimo il risultato conquistato, visto che ha chiuso al settimo posto a circa 13 secondi di ritardo dal vincitore Petrucci. Arriva così una nuova occasione per fare bene sempre davanti al pubblico di casa.

Anche Michele Pirro è stato uno dei protagonisti dei test, svolti circa due settimane fa. Oltre a ciò ha già avuto l’occasione di correre a Misano a livello internazionale quest’anno, disputando una wild card con la Panigale V4R di Barni Racing nel Mondiale Superbike. Dopo lo zero in Gara 1, ha chiuso ottavo sia nella Superpole Race che in Gara 2. Oltre a ciò, è sempre attivo nel CIV Superbike sempre con Barni Racing, a caccia di un nuovo titolo tricolore. Al momento è nettamente al comando della classifica generale con sei vittorie (le ultime due a Misano) e due secondi posti, con due round da disputare.

“Finalmente siamo arrivati ​​a Misano” ha dichiarato Michele Pirro. “Ho l’opportunità di correre un’altra gara in MotoGP. Al Mugello sono rimasto abbastanza soddisfatto del risultato, anche se penso che avrei potuto fare ancora meglio. Il mio obiettivo è quello di aiutare la squadra, ma voglio anche dimostrare a me stesso che posso essere sempre competitivo. Dopo i due giorni di test tutti sappiamo che la temperatura dell’asfalto e la gestione delle gomme saranno fattori chiave per raggiungere un buon risultato in questo fine settimana. Siamo fiduciosi di poter fare una bella gara.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fenati test privati jerez

Moto2-Moto3: La pioggia pone fine ai test a Jerez

Andrea Iannone a Valencia

MotoGP, Andrea Iannone spegne l’incendio: “Giri motore troppo alti”

Alberto Puig team manager HRC

Puig: “Alex Marquez alto, eravamo abituati a Dani Pedrosa”