MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP 2020, una tuta speciale per Valentino Rossi by Dainese

Valentino Rossi a Sepang non presenterà solo i nuovi colori della Yamaha M1, ma anche i nuovi casco AGV e tuta Dainese. "La sua tuta è un po' diversa dagli altri".

28 gennaio 2020 - 14:15

La presentazione del team Yamaha di MotoGP si terrà il 6 febbraio a Sepang, alla vigilia del primo test MotoGP 2020. Per Valentino Rossi sarà l’occasione di presentare anche la tuta e il casco che lo accompagneranno in quella che potrebbe essere la sua ultima stagione nel Motomondiale. Ovviamente il condizionale è d’obbligo, dal momento che il Dottore ha un solo obiettivo in testa: proseguire l’avventura in Top Class, almeno fino alla fine del 2021.

Il campione di Tavullia ha lavorato a stretto contatto con gli ormai fidati marchi Dainese e AGV. “Guida da molto tempo, quindi negli ultimi 20 anni abbiamo apportato molti sviluppi e miglioramenti alla tuta. Sta usando una versione che non è stata creata per tutti i nostri piloti“, spiega Marco Pastore, direttore Racing di Dainese, a Motorsport-Total.com. “Ha la piastra di protezione spalla in metallo e le tute per gli altri piloti sono un po’ diverse, un materiale diverso“. Tra Valentino Rossi e Dainese c’è una stretta collaborazione che va avanti dagli esordi della leggenda italiana. E il marchio veneto ha sempre fatto affidamento sui feedback del pesarese per proseguire di anno in anno con l’evoluzione dei propri prodotti commerciali.

TUTA DA BAGNATO E DA ASCIUTTO

La tuta di Valentino Rossi è realizzata per l’80% in pelle di canguro, il restante 20% di un materiale differente, “In modo che si adatti, sia flessibile e protegga – ha aggiunto Pastore -. Pesa circa sei chili”. A dare input sulla grafica non è solo il nove volte iridato, ma anche Yamaha. Ad esempio “nel 2019 il colore più scuro è venuto da loro e non da Valentino. Naturalmente, ha i suoi piccoli elementi come colori, loghi e sponsor. Nel complesso, tutto è gestito dal team VR46“. Le misure vengono prese all’inizio di ogni stagione della MotoGP. “Perché è importante che la tuta si adatti perfettamente. Le tute in pelle non sono particolarmente elastiche, quindi è essenziale avere le misure esatte“.

Fatto sta che nel caso di Valentino Rossi le differenze di anno in anno sono davvero minime. “Il suo corpo rimane più o meno lo stesso,Valentino ha smesso di crescere un po’ di tempo fa! Forse c’è una differenza di due o tre chili per stagione, ma non molto“. Tuta “slick”, ma anche da pioggia, che presente alcune differenze. “Un po’ più invernale, più pesante e più impermeabile“, ha aggiunto Pastore. “La principale differenza rispetto alle tute standard è rappresentata dalle piccole prese d’aria che la tuta da pioggia non ha“. Infine è incorporato l’airbag, obbligatorio in MotoGP dal 2018, e “c’è ancora spazio per la sacca d’acqua. Valentino la usa molto spesso“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Diego Gubellini e Fabio Quartararo

MotoGP, Diego Gubellini: “Il calendario non avvantaggia Fabio Quartararo”

MotoGP, Razlan Razali

MotoGP: Petronas frena sull’accordo con Valentino Rossi, ma la firma c’è

MotoGP, Miguel Oliveira

MotoGP, giornata di tamponi per i piloti: quarantena prima del volo