MotoGP Test

MotoGP 2020: le date delle presentazioni e dei test ufficiali

Ducati inizia il valzer delle presentazioni delle livree MotoGP 2020 il 23 gennaio. Yamaha e Suzuki il 6 febbraio a Sepang, Honda 4 febbraio in Indonesia.

14 gennaio 2020 - 8:38

La stagione 2020 MotoGP prenderà il via con il test di febbraio in programma a Sepang. Ma è anche il momento della presentazione delle livree ufficiali e ad aprire le danze sarà il Ducati Team il 23 gennaio. La scuderia italiana toglierà i veli dalla Desmosedici GP20 nel quartier generale di Borgo Panigale, mentre l’anno scorso la scelta era ricaduta su Neuchâtel in Svizzera. Una scelta dettata da motivi commerciali in seguito alla partnership con Philip Morris e la campagna “Mission Winnow”, logo scomparso nel finale di stagione.

Suzuki presenterà la nuova livrea della GSX-RR e il team 2020 il 6 febbraio in Malesia, alla vigilia del primo test MotoGP stagionale. Identica data indicata da Monster Energy Yamaha e dal team clienti Petronas SRT. Il team Repsol Honda, invece, farà tappa in Indonesia il 4 febbraio, prima di atterrare a Sepang. Non è stato ancora annunciato quando Aprilia e KTM, così come gli altri team privati, presenteranno ufficialmente i loro nuovi prototipi

Presentazioni team MotoGP 2020

23 gennaio: team Ducati a Bologna, Italia
4 febbraio: Repsol Honda Team a Jakarta, Indonesia
6 febbraio: Suzuki, Yamaha e Petronas Yamaha SRT sul circuito internazionale di Sepang, Malesia

Test preseason MotoGP 2020

Sepang, 2-4 febbraio 2020 (test di shakedown di tre giorni)
Sepang, 7-9 febbraio 2020 (test ufficiale di tre giorni)
Qatar, 22-24 febbraio 2020 (test ufficiale di tre giorni)

Test invernali IRTA delle classi Moto2 e Moto3 2020

Jerez, 19-21 febbraio 2020
Qatar, dal 28 febbraio al 1 marzo 2020

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

brad binder ktm motogp

MotoGP, Brad Binder: “Test Misano? All’inizio mi sentivo perso”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi ritorna sulla Ferrari GT3: “Che bello risalire sulla Bestia”

syahrin moto2

Moto2, Hafizh Syahrin: “Devo lavorare sui miei punti deboli”