MotoGP, Maverick Vinales

Maverick Vinales, fisico bestiale! Obiettivo Mondiale e tenersi la Yamaha

Maverick Vinales si sta concentrando molto sulla preparazione fisica per dare l'assalto al titolo MotoGP 2020. E prendersi un posto d'onore in Yamaha

19 gennaio 2020 - 11:49

Maverick Vinales ha un obiettivo molto chiaro: il titolo MotoGP 2020. Dopo una seconda parte di campionato 2019 quasi impeccabile, non ha mai smesso di allenarsi. Un lungo inverno di palestra e motocross, ha rafforzato la massa muscolare, ha forse capito come ottimizzare lo stile di guida. Per quanto la Yamaha M1 sia una moto agile, ha sempre privilegiato i lunghi curvoni veloci e non le curve a bassa velocità. Il pilota di Figueres vuole confermare il ruolo di alfiere di punta all’interno del team. Il primo rivale sembra non sia più Valentino Rossi, ma il giovane e talentuoso Fabio Quartararo che rischiava di soffiargli il terzo posto in classifica.

Nei ranghi di Iwata c’è molta soddisfazione per i risultati di Maverick Vinales. “Si è ritrovato – ha commentato Lin Jarvis -. Spero che Valentino lo seguirà con alcuni dei cambiamenti della moto e il cambio di organizzazione del team, ma Maverick l’ha già trovato ed è tornato nuovamente sulla buona strada“. Questo 2020 si presenta come un anno chiave in MotoGP. La competizione promette di essere serrata, quindi serve un’ottima preparazione fisica. Potrebbe essere questa la chiave per ottenere le migliori prestazioni in gara. In questi giorni ha condiviso una foto sui social che ha lasciato attoniti molti colleghi, a cominciare da Quartararo e Aleix Espargarò.

PASSI AVANTI VERSO IL FUTURO

La sua preparazione continua in Qatar, a sua disposizione il circuito di Losail, teatro della prima sfida stagionale. Un motivo in più per provare a partire con il piede giusto. Il resto dovrà farlo Yamaha con il nuovo prototipo che dovrebbe garantire maggiore potenza sui rettilinei e meno problemi in partenza. A Sepang dovrebbe debuttare un nuovo sistema holeshot in stile Ducati. Soprattutto nelle prima gare del 2019 Maverick Vinales ha sofferto dopo il semaforo verde e nei primi giri, pecche in parte colmate con un giusto setting trovato in Catalunya. Con la riorganizzazione del reparto racing di Iwata ogni tassello dovrebbe ora essere al posto giusto. E il vero passo avanti potrebbe arrivare con l’innesto di Marco Frigerio, uomo chiave del reparto elettronica che difficilmente vedremo in pista.

Ma Yamaha riuscirà a convincere Vinales a restare? Uno tra Valentino Rossi e Fabio Quartararo dovrà recitare il ruolo di agnello sacrificale. In questo “gioco a tre” Ducati resta alla finestra per capire dove colpire. In Suzuki sarebbero pronti a riaprire le porte all’ex gioiellino spagnolo, ma i tempi per un ritorno forse non sono ancora maturi. La via di uscita è spingere il Dottore verso Petronas SRT. Alias verso il ritiro dalla MotoGP…

2 commenti

KARAMELLA
21:43, 19 gennaio 2020

È l’anno della DUCATI vai DOVI

matteochiarello197_14424442
18:41, 19 gennaio 2020

Quando dicono chi sacrificherà la Yamaha:rossi,vinales o quartararo? Io spero sia solo uno scherzo!!!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pramac racing motogp

MotoGP: Pramac Racing si presenta il 4 marzo a Losail

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Valentino Rossi uomo molto intelligente”

bastianini moto2

Moto2, Enea Bastianini: “La moto si muove parecchio su questa pista”