Marc Marquez e Valentino Rossi a Misano

Marc Marquez: “Non volevo chiedere scusa a Valentino”

Scintille tra Marc Marquez e Valentino Rossi durante l'ultimo giro tirato delle qualifiche. Il campione spagnolo precisa: "Non devo chiedere scusa".

14 settembre 2019 - 17:42

Le fasi finali delle qualifiche di Misano hanno regalato un sussulto al pubblico sugli spalti e a casa. Marc Marquez e Valentino Rossi si toccano riportando alla mente gli eventi di Sepang 2018 e di Rio Hondo 2018. Fortunatamente dopo un incrocio di sguardi hanno proseguito per la loro strada, ma entrambi vengono convocati dalla Direzione Gara per fornire le rispettive versioni.

La manovra che ha scatenato l’episodio nasce dopo che Marquez supera Rossi in una curva a destra. Il campione spagnolo calpesta la zona verde con le due ruote, ma non ha tagliato il gas e il Dottore restituisce il sorpasso. Nel tentativo di non uscire fuori pista ha rallentato, spingendo il Cabroncito a tamponarlo leggermente. Nessuna caduta, nessuna penalizzazione, ma l’accaduto merita di essere discusso con il pannello dei commissari della FIM.

Marc Marquez offre ai giornalisti la sua prima versione: “È vero che in curva ho toccato il verde, ma l’ho visto solo in TV, perché sulla moto non me ne sono reso conto. Quindi ho continuato a spingere, ma ​​alla curva 14 ho visto una moto nera e gialla arrivare molto velocemente dentro con una velocità impossibile da girare in curva. Fortunatamente per me sono stato in grado di evitare l’incidente“. Ma nessuna intenzione di chiedere scusa: “Voglio chiarire che il mio gesto con la mano non era per dire ‘scusa’, era solo per dire ‘cosa sta succedendo qui’“. Meriterebbe una penalizzazione Valentino Rossi? “Non mi interessa perché non è un contendente per il campionato. Non lo so e non perderò il tempo per chiedere un penalty, non è una mia decisione“.

Valentino Rossi risponde con la sua versione dei fatti: “Ho trovato traffico nel primo giro della Q2, quindi ho provato un altro giro con questa gomma, ma non è stato molto veloce“. Per quanto riguarda il problema con Marc, non manca una buona dose di ironia. “Ho pensato all’Argentina e a come mi ha fatto cadere dalla moto”. E il cenno con la mano? “Non ho capito cosa volesse dire“. A questo punto un chiarimento sembra d’obbligo prima che la miscela diventi esplosiva come nel 2015.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, siluro Puig a Yamaha e Ducati: “Honda è una moto facile”

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Vorrei vedere i dati di Jorge Lorenzo”

Jorge Lorenzo ex pilota MotoGP

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “Su Jorge Lorenzo decisione sbagliata”