Marc Marquez a Valencia

Marc Marquez: “Mio fratello Alex in Honda? Uno svantaggio”

Marc Marquez commenta il possibile approdo di suo fratello Alex in Repsol Honda: "Sono più gli svantaggi, ma non faccio nessuna pressione".

16 novembre 2019 - 15:48

Marc Marquez non centra la pole position nell’ultima gara di Valencia, ma partirà dalla prima fila per dare l’assalto alla Triple Crown. Al termine delle qualifiche sono solo 32 i millesimi che lo separano da Fabio Quartararo, ma sul passo gara il Cabroncito potrebbe nuovamente avere la meglio. “Quando scendo in pista parto per fare la pole, ma sono più vicino a Fabio di quanto mi aspettavo. Abbiamo fatto la prima fila e sono contento per domani“.

A fare notizia non è tanto la griglia di partenza di domani, e neppure l’annuncio del ritiro di Jorge Lorenzo. Da stamane prende sempre più piede l’ipotesi Alex Marquez in Repsol Honda nella stagione 2020. Manca l’annuncio ufficiale che potrebbe arrivare nelle prossime ore, ma sembra sia solo una formalità. Si prospetta un box all’insegna dei fratelli Marquez, uno scenario suggestivo che mette un certo languorino in bocca per il prossimo anno. “Io non ho mai spinto per mio fratello – ha sottolineato Marc Marquez a Sky Sport MotoGP -. Sono contento che approdi in MotoGP, è il mio sogno, ma va bene sia con la Honda che con un’altra factory. Stiamo parlando di un campione del mondo“.

Una scelta per molti versi coraggiosa quella di Alex Marquez, che potrebbe bruciare la sua carriera, sia per l’esordio con una moto da molti ritenuta difficile. Sia per il confronto inevitabile con suo fratello campione del mondo. L’otto volto campione ha messo già in ombra Pedrosa e Lorenzo. “Sono più gli svantaggi, perché ci sarà sempre il paragone con il tuo compagno di squadra. Non tutta la gente vuol venire nel box HRC“.

Una seconda ipotesi vede il minore dei fratelli Marquez in LCR Honda. In ogni caso verrebbe scalzato Johann Zarco, in procinto di accasarsi con Avintia al posto di Abraham (per intercessione Dorna). “Io voglio vincere, logicamente se finisce uno davanti a me preferisco sia mio fratello. Una cosa è essere fratelli, ma ci vuole professionalità – ha aggiunto Marc Marquez -. Ho i miei segreti all’interno del mio box, lui i suoi e deve restare così. Fratello o non fratello, non dimentichiamo che è il campione di Moto2. Resterà sempre il problema che è il ‘fratello di”‘.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio