Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Valencia sarà la mia ultima gara”

Jorge Lorenzo parla in conferenza stampa a Valencia. Dopo 18 stagioni nel Motomondiale il pilota annuncia il suo ritiro dalla MotoGP.

14 novembre 2019 - 15:33

La carriera di Jorge Lorenzo finisce qui a Valencia, dopo 18 stagioni nel Motomondiale, 5 titoli e 68 vittorie. Il maiorchino fino ad oggi aveva nascosto la sua decisione con una “poker face” non facile da preservare per quasi cinque mesi. Nove stagioni insieme alla Yamaha, la parentesi più bella della sua carriera, che ha regalato tre titoli MotoGP. Poi la decisione di lasciare la casa di Iwata per trovare nuovi stimoli, l’avventura deludente in Ducati, nonostante tre vittorie. Fino al capitolo finale in Honda che non gli ha mai dato soddisfazioni.

Chiusi i rapporti con Ducati non c’erano molte altre alternative alla Honda, di certo la più attraente. Grazie ad un fitto dialogo con ALberto Puig ha deciso di accettare la sfida a condividere il box con un “personaggio scomodo” come Marc Marquez. Non ha mai avuto timore di accettare nuove sfide, ma la sfortuna ha recitato un ruolo indelebile in questo finale di carriera. L’incidente di Aragon 2018, poi la caduta in Thailandia, l’infortunio in inverno durante un allenamento sullo sterrato. Poi ancora la caduta in Catalunya, fino all’incidente di Assen.

In Olanda Jorge Lorenzo ha capito che era il momento di tirare i remi in barca. Le moto hanno un ruolo primario nella vita di un pilota, ma non è tutto. Arriva un momento nella vita in cui bisogna chiudere il libro dei sogni e aprire quello della realtà cruda. Per il pentacampione questo momento è arrivato. Il prossimo anno a Jerez entrerà ufficialmente tra le MotoGP Legends.

La conferenza stampa in tempo reale

15:25 – “La vita non è solo legata alle moto. Ho alcune idee sul mio futuro, ma al momento non ho pianificato la mia vita. Voglio fare una lunga vacanza, al caldo, poi penserà ad aprire un nuovo capitolo“. Fine della conferenza stampa

15:20 – Jorge Lorenzo: “Ho deciso dopo Assen, ma volevo ritardare la decisione il più possibile. Ho aspettato per vedere se riuscivo a sentirmi meglio, ma questo non è avvenuto. Il momento più bello? Valencia 2010, il titolo più importante, mi ha dato molta libertà e soddisfazione”.

15:15 Carmelo Ezpeleta: “Grazie per tutto quello che hai fatto, sia dal punto di vista umano che sportivo. E’ stato incredibile in tutti questi anni, ha avuto una grande carriera, conoscendolo so che adesso è felice. Al prossimo Gran Premio di Jerez sarà una MotoGP Legend”.

15:10 – “Sono dispiaciuto per Honda, soprattutto per Alberto (Puig) che mi ha dato questa opportunità“.

15:06 – “Chi mi conosce sa quanto io sia perfezionista. I miei migliori anni in carriera li ho passati con Yamaha, ma avevo bisogno di ulteriori stimoli. Così sono passato in Ducati, ma i risultati non sono stati buoni anche se ho vinto qualche gara. Poi ho firmato con Honda, mi ha dato un’altra spinta. Ho ottenuto il sogno di tanti piloti, ho avuto subito un ruolo importante, non ho potuto essere nelle condizioni fisiche normali per essere veloce. Poi la moto non era adatta al mio modo di correre. Ho provato a lavorare con il team, pensavo fosse questione di tempo. Al Montmelò ho avuto un incidente, pochi giorni dopo sono caduto ad Assen. Quando rotolavo sull’asfalto ho pensato: ‘Vale davvero la pena?’. Forse è l’ora di smettere. Ma ho deciso di riprovarci, non volevo prendere una decisione così in fretta e ho continuato. Ma non sono stato in grado di ritrovare la pazienza per scalare questa montagna. Io amo vincere e mi sono reso conto che non era più possibile“.

MotoGP, Jorge annuncia l’addio alle corse

15:03 – “Grazie di aver accettato questo invito, sono orgoglioso di vedervi qui. Annuncio il mio ritiro, è difficile per me, sono qua per dirvi che questa sarà la mia ultima gara in MotoGP. E lascio come pilota professionale“.

15:00 – Jorge Lorenzo abbastanza sorridente. Fino a pochi giorni fa aveva annunciato il desiderio di volerci riprovare con Honda.

14:55 – In sala stampa presenti tecnici e piloti di ogni scuderia.

14:50 – Max Biaggi, grandissimo amico di Jorge Lorenzo, scrive sui social: “Oggi alle 15:00 convocata conferenza stampa a Valencia dal mio amico
Lorenzo. Io non potrò esserci ma avrei voluto tanto esser li. Stay strong!“.

MotoGP, il pre-conferenza di Lorenzo

5 titoli mondiali, 68 vittorie, 152 podi, 68 pole. Jorge Lorenzo correrà l’ultima gara a Valencia 2019, una decisione che nasce dopo l’infortunio di Assen. La frattura alle vertebre potrebbe mettere a rischio la sua salute in caso di un ulteriore incidente. E quando c’è consapevolezza di non potersi prendere più rischi allora meglio chiudere. Alle ore 15:00, nella sala stampa del Ricardo Tormo, parlerà ai giornalisti al fianco di Carmelo Ezpeleta. Un annuncio in grande stile che ricorda quello di Dani Pedrosa più di un anno fa.

Dalla Spagna escludono l’ipotesi di un anno sabbatico, non avrebbe senso la presenza del CEO della Dorna. Il pentacampione aveva un altro anno di contratto con Repsol Honda ed è presumibile che abbiano trovato un accordo per la rescissione anticipata. Nelle ultime gare Jorge Lorenzo non era mai sceso al di sotto dei 30″ di gap dal vincitore, con un picco di 66″ da Marc Marquez a Phillip Island. Uno scenario che non rendeva onore alla classe MotoGP, ma soprattutto al campione delle Baleari.

Il primo titolo iridato arriva nella classe 250 nel 2006, in sella all’Aprilia, lottando fino all’ultima gara con Andrea Dovizioso. Si ripete l’anno dopo, ancora con il team Fortuna Aprilia, conquistando la certezza aritmetica a Sepang, con una gara di anticipo. Nel 2008 l’approdo in MotoGP con Yamaha: subito due podi e la vittoria in Portogallo, ma per la conquista del Mondiale dovrà attendere il 2010. Secondo titolo in MotoGP nel 2012, infine nel 2015, al termine di un lungo duello con Valentino Rossi conclusosi a Valencia (con il Dottore in ultima fila ai nastri di partenza).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Massimo Rivola

MotoGP, Rivola: “Iannone ed Espargaró? Normale parlino con altri team”

fabio di giannantonio

ESCLUSIVA Fabio Di Giannantonio: “Devo diventare più costante”

Valentino Rossi e Lewis Hamilton

Lewis Hamilton: “Il test con Valentino Rossi mi rende nervoso”