MotoGP, Joan Mir e Fabio Quartararo

LIVE MotoGP GP Teruel: Morbidelli fa bis, due Suzuki sul podio

LIVE Gran Premio di Teruel 2020 della classe MotoGP. Segui in diretta la gara con aggiornamenti e analisi in tempo reale dal circuito di Aragon.

25 ottobre 2020 - 13:33

Franco Morbidelli ottiene il suo secondo successo in MotoGP e si porta a -25 dalla vetta della classifica mondiale. Una gara in testa dal primo all’ultimo giro, nulla da fare per Alex Rins che nel finale ha dovuto lasciarlo andare senza perdersi troppi rischi. Sul terzo gradino del podio il leader Joan Mir. 4° pol Espargarò seguito da Johann Zarco, Miguel Oliveira, Maverick Vinales, Fabio Quartararo. 10° Danilo Petrucci, 13° Andrea Dovizioso.

Per Franco Morbidelli è un altro week-end che incornicia questa stagione memorabile. “Questo è il lavoro di tutto il fine settimana, abbiamo lavorato per sistemare la moto con la media. Soprattutto a fine gara è rimasto concentrato – ha commentato il capotecnico Ramon Forcada -. Cosa mi piace di più? Quando vince le gare“.

-2 giri: Problemi all’Aprilia di Aleix Espargarò che ritorna ai box.

-4 giri: 12esima e 13esima piazza per Dovizioso e Petrucci. Intanto Morbidelli ha un vantaggio di 1,2″.

-6 giri: Morbidelli scava un vantaggio di 1″.

-7 giri: Manovra al limite per Aleix Espargarò che supera Andrea Dovizioso. Problema per il forlivese che adesso ritorna 12°…

-8 giri: La top-10: Morbidelli, Rins, Mir, Zarco, Pol Espargarò, Vinales, Oliveira, Quartararo, Dovizioso, Aleix Espargarò. Buona l’ascesa del forlivese della Ducati che prova a tenere in vita la corsa al Mondiale.

-9 giri: Morbido pennella le sue traiettorie con un vantaggio di 4 decimi su Rins che non molla la presa.

-10 giri: Quartararo 8° ma viene insidiato da Oliveira. Caduta di Alex Marquez alla curva 2!

-11 giri: 11° Andrea Dovizioso che adesso ha davanti Cal Crutchlow. Rins rosica qualche decimo su Morbidelli.

-12 giri: Alex Marquez supera Johann Zarco. Sei decimi di gap tra Morbidelli e Rins.

-13 giri: In difficoltà Zarco che viene superato da Mir. Adesso è Alex Marquez a mettere nel mirino il francese del team Esponsorama. Francesco Guidotti a Sky Sport MotoGP spiega l’uscita di Bagnaia: “Calo di potenza, stiamo verificando cosa è successo. Si è fermato al quinto giro, il problema era evidente“.

-14 giri: Pol Espargarò subito Quartararo in staccata. Sarà sfida Zarco-Mir-Marquez per il terzo gradino del podio.

-15 giri: Morbidelli resta al comando con quattro decimi di gap su Rins. Ritorna ai box Pecco Bagnaia. 12° Andrea Dovizioso.

-18 giri: La top-10: Morbidelli, Rins, Zarco, Mir. Alex Maruez, Vinales, Quartararo, P. Espargarò, Oliveira e Crutchlow.

-20 giri: Buon passo per Johann Zarco 3° alle spalle di Morbidelli e Rins. 6° Alex Marquez che ha superato Fabio Quartararo. In difficoltà il francese della Yamaha Petronas SRT.

-21 giri: 13° Andrea Dovizioso che ha qualche difficoltà a sorpassare. 15° Petrucci, 17° Bagnaia.

-22 giri: Morbidelli ha un vantaggio di 3 decimi su Rins, Alex Marquez 8° a dispetto della hard anteriore che potrebbe rivelarsi una scelta vincente nel finale.

-23 giri: Subito a terra Miller e Binder, cade anche Taka Nakagami che vede svanire il suo sogno di una vita. In testa Morbidelli seguito da Rins, Zarco, Vinales, Mir e Quartararo. Grande partenza del leader del Mondiale.

L’anteprima della gara

13:59 – Inizia il giro di riscaldamento, 23 i giri prima del traguardo, 20°C la temperatura dell’aria.

13:55 – Soft all’anteriore e al posteriore per Alex Rins che proverà ad agguantare la seconda vittoria consecutiva. Che gara sarà per Franco Morbidelli che scatterà dalla prima fila? Il suo tecnico Ramon Forcada: “Vedremo la partenza, ha cambiato stile di guida per l’ultimo settore“.

13:50 – Diego Gubellini, capotecnico di Fabio Quartararo: “Al posteriore abbiamo scelto la media in base ai dati, per avere maggior prestazione nel finale di gara“. Soft al posteriore per Maverick Vinales.

13:45 – Soft al posteriore è la scelta ottimale per i piloti della MotoGP. All’anteriore la media, solo Alex Marquez monta la hard. Ancora assenti Marc Marquez e Valentino Rossi che guarderanno il GP di Teruel da casa.

13:40 – Neppure Alberto Puig esclude l’ipotesi di una terza operazione per Marc Marquez. Da escludere che il campione di Cervera possa tornare in pista a Valencia o Portimao. Nelle prossime due settimane deciderà se operarsi o proseguire con la riabilitazione.

Il riepilogo del week-end

Il GP di Teruel potrebbe rivelarsi un round importante per l’assegnazione del titolo MotoGP 2020. Non solo perché mancano appena quattro gare al termine, ma anche per via dell’emergenza Coronavirus che incombe sui piloti del Motomondiale. La seconda ondata rischia di bucare la bolla sanitaria creata dalla Dorna, mettendo in bilico il finale di campionato. Mike Trimby (CEO di Irta), ha inviato una lettera agli atleti. “Dorna e Irta sono molto arrabbiate nel vedere quanti piloti della MotoGP hanno scelto di tornare a casa tra le due gare di Aragon. Nel protocollo delle gare consecutive, vi abbiamo chiesto di rimanere nella bolla del circuito e dell’hotel“. Nel trittico di Valencia e Portimao quindi resteranno nei loro hotel assegnati.

La griglia di partenza

La gara di Aragon/2 della classe regina prende il via alle ore 13:00, per non sovrapporsi con il programma della F.1 impegnata in Portogallo. Secondo le previsioni dei bookmakers il grande favorito per la vittoria è Takaaki Nakagami, per la prima volta in pole position. Il giapponese del team LCR ha mostrato un passo impressionante sin dal venerdì di libere e punta al suo primo podio in carriera. Dovrà fare i conti non solo contro la Suzuki di Alex Rins, reduce dalla vittoria di una settimana fa, ma anche contro le tre Yamaha di Franco Morbidelli, Fabio Quartararo e Maverick Vinales. Dopo i problemi riscontrati nell’ultima gara, i tecnici di Iwata stanno valutando una differente strategia gomme per gestire al meglio nella seconda parte.

Il leader della classifica MotoGP, Joan Mir, scatterà dalla quarta fila. Non certo una buona finestra per chi vuole ambire a blindare il primato, però il catalano della Suzuki si è reso autore di rimonte forsennate nel corso di questo Mondiale. Esemplare quella di Misano/1 ai danni di Valentino Rossi all’ultimo giro. Non va certamente meglio alle Ducati. L’unica Rossa che partirà dalle prime file è quella di Johann Zarco, quinto in griglia. Penultima fila per Andrea Dovizioso che dovrà portare a casa il miglior risultato possibile per tenere in vita le ultime speranze di titolo iridato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Torino Suzuki MotoGP

MotoGP: la maglia celebrativa del Torino F.C. per il Mondiale Suzuki

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”