MotoGP, Pecco Bagnaia ad Austin

LIVE MotoGP Austin: lo sceriffo Marquez trionfa, Quartararo-Bagnaia sul podio

LIVE Gran Premio di Austin MotoGP 2021. Segui la diretta con analisi, tempi e classifica in tempo reale dal circuito del Texas.

3 ottobre 2021 - 21:30

Marc Marquez conquista il secondo trionfo in questa stagione MotoGP dopo quello del Sachsenring. Il fenomeno di Cervera si è piazzato in testa sin dalla partenza e ha martellato per 20 giri guadagnando decimi giro dopo giro. Buona la prestazione di Fabio Quartararo che capisce di non poter attaccare la Honda del Cabroncito e quindi punta a blindare la sua seconda piazza che vale oro in termini di corsa al titolo mondiale. Sul gradino più basso del podio Pecco Bagnaia che però vede svanire le ultime possibilità di assalto al Mondiale, anche se a Misano potrebbe invertire le carte in classifica…

Quarto posto per la Suzuki di Alex Rins che approfitta della sanzione inflitta a Jorge Martin, quinto. Grande prestazione di Enea Bastianini che chiude in sesta posizione davanti a Joan Mir, Jack Miller, Brad Binder e Pol Espargarò. Nel finale qualche schermaglia tra Mir e Miller che cercano di chiarirsi dopo il traguardo… Valentino Rossi 15°, ultimo Franco Morbidelli.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

La cronaca della gara

-2 giri: Bagnaia supera Jorge Martin e si mette in terza posizione. 13° Dovizioso, 14° Marini, 15° Rossi.

-4 giri: Errore per Jorge Martin che taglia la curva, Bagnaia adesso insegue a soli due decimi. Enea Bastianini sorpassa Binder e si porta in ottava piazza. Long lap penalty per Jorge Martin

-6 giri: Valentino Rossi 15°. Marc Marquez continua a guadagnare qualche decimo sull’inseguitore Fabio Quartararo. Bagnaia rosica tre decimi su Jorge Martin.

-8 giri: Miller lascia passare Bagnaia che ne ha di più e adesso si mette all’inseguimento di Martin.

-9 giri: Marquez a +3,3″ su Quartararo, zona podio per Jorge Martin. Bagnaia prova ad attaccare Miller per la quarta piazza. 6° Rins seguito da Mir, Binder, Bastianini, Pol Espargarò.

-11 giri: Il layout antiorario gioca tutto a favore di Marc che qui ha sempre trionfato dal suo esordio in MotoGP ad eccezione del 2019. Il vantaggio su Quartararo lievita a 2,3″. Cade Aleix Espargarò: week-end da dimenticare per il catalano dell’Aprilia. 5° Pecco Bagnaia che ha superato Rins. Andrea Dovizioso entra in zona punti ed è 12°.

-13 giri: Marc Marquez sta provando a creare un gap (1,5″) per poi amministrare. Pecco Bagnaia 6°: “E’ in difficoltà, vediamo se sta gestendo – ha detto Davide Tardozzi -. Con Jack abbiamo fatto l’azzardo della dura al posteriore e vediamo se funzionerà“. Bastianini supera Pol Espargarò e si mette in nona posizione. Luca Marini 15°.

-15 giri: Miller sorpassa Bagnaia e Rins, Martin prova ad attaccare Quartararo che resiste. Intanto Marc Marquez scava un vantaggio di 1″.

-16 giri: Quartararo resta incollato alla Honda di Marquez a tre decimi. Cade Johann Zarco alla curva 1. Bastianini 10°.

-18 giri: Marc Marquez inizia a scavare un piccolo gap di 4 decimi su Fabio Quartararo. Seguono Rins, Martin, Bagnaia, Miller, Mir, Binder, Zarco, Pol Espargarò. 16° Franco Morbidelli.

-19 giri: Jorge Martin passa Pecco Bagnaia e va a prendersi la quarta posizione. Cade Nakagami, Enea Bastianini 12°, Andrea Dovizioso 16°.

-20 giri: Marc Marquez favorito dalla traiettoria si porta al comando, seguono Fabio Quartararo, Alex Rins e Pecco Bagnaia. 5° Jorge Martin, Johann Zarco retrocede in decima piazza, 14° Luca Marini. Ultimo Valentino Rossi.

Il pre-gara di Austin

20:59 – Giro di ricognizione, si attende lo spegnimento dei semafori.

20:57 – Inizia il conto alla rovescia per il GP di Austin. Dopo tanto tempo si ritorna a vivere le emozioni della MotoGP fuori dal Vecchio Continente e in un orario diverso da quello pomeridiano.

20:52Pecco Bagnaia parte dalla pole position ed ha nelle mani una buona chance per tenere aperto il Mondiale. “La gara è molto lunga, siamo convinti della nostra scelta. La costanza sarà ciò che fa la differenza“.

20:50 – Pramac Racing ha i suoi due piloti in seconda fila. Il team manager Francesco Guidotti: “Martin non è fisicamente al 100% e soffrirà. Zarco dovrà gestire bene il pacchetto perché potrebbe stare davanti“.

20:47 – La scelta delle gomme sarà ampiamente condivisa: hard all’anteriore e soft al posteriore. Valentino Rossi potrebbe optare per la media al posteriore.

20:45Luca Marini partirà dalla terza fila dopo una delle sue migliori qualifiche in MotoGP. Ma il rookie del team Sky VR46 Avintia non si scompone e punta a risultati migliori. “In futuro mostrerò il mio vero potenziale solo quando lotterò per le vittorie. Credo che se un pilota ha la moto e la squadra giuste, ognuno di noi può vincere. Siamo i 23 migliori piloti al mondo, non siamo qui per niente. Nella prossima stagione possiamo fare un altro passo avanti e mostrare il nostro potenziale“.

20:40 – Jack Miller ha lamentato un forte calo della gomma posteriore morbida nelle qualifiche. Nessun accenno diretto a Michelin, ma l’azienda francese ha diramato un breve comunicato (indiretto). “C’è stata una lamentela dopo la Q2… L’eventuale perdita di prestazioni potrebbe essere attribuita al successivo calo di temperatura e pressione dei pneumatici”.

20:35 – Saranno 20 giri al cardiopalma e non solo per la corsa al titolo MotoGP. L’asfalto dissestato in alcuni punti spinge a tenere molto alta l’attenzione. Danilo Petrucci riassume la riunione in Safety Commission: “La FIM e la Dorna Sports che presiedevano l’incontro pensavano che stessimo scherzando. Il 90% dei piloti voleva accorciare la gara, me compreso. Pensavano che stessimo scherzando, quindi li abbiamo fatti ridere, diciamo…“.

Il riepilogo delle Qualifiche

Il Gran Premio di Austin è la 15esima tappa del campionato MotoGP 2021, la corsa al titolo mondiale arriva alle strette. Sono 48 i punti in classifica che dividono Pecco Bagnaia e Fabio Quartararo, rispettivamente in prima e seconda piazza sulla griglia di partenza. A chiudere la prima fila ci sarà una spina nel fianco che porta il nome di Marc Marquez, sulla carta tra i favoriti per la vittoria. Ma il fenomeno della Repsol Honda deve fare i conti con una spalla che ancora desta problemi e non gli permette di esprimere al meglio il suo stile di guida.

Seconda fila formata da Jorge Martin, Takaaki Nakagami e Johann Zarco. In terza filale due Suzuki di Alex Rins, Joan Mir e la Desmosedici GP19 di Luca Marini. Jack Miller, che sembrava il favorito per la pole, occuperà la decima finestra dopo un problema con la soft nel Q2. Ancora una volta il marchio Ducati sfoggia la sua artiglieria con ben cinque Rosse nelle prime dieci posizioni. Dopo le difficoltà iniziali a causa dell’irregolarità dell’asfalto nel box di Borgo Panigale hanno preso le necessarie contromisure a livello di setting per affrontare un circuito impervio. L’attenzione sarà tutta puntata su Bagnaia che, nei limiti del possibile, potrà contare sul gioco di squadra.

Valentino e Aprilia in ultima fila

Piccoli passi in avanti per Andrea Dovizioso (14°), ma l’obiettivo sarà continuare a prendere confidenza con la Yamaha M1. Ennesimo week-end in salita per Valentino Rossi che condivide l’ultima fila con Aleix Espargarò e Danilo Petrucci. Il campione di Tavullia ha lamentato qualche ritardo tecnico sulla sua M1 factory rispetto a quelle in uso nel box ufficiale, come confermano i dati e il lavoro svolto nei test di Misano. Aprilia si ritrova a partire dalle retrovie dopo una lunga scia di buoni risultati: il pilota di Granollers ha sofferto più di chiunque altro l’asfalto texano e le difficoltà a trovare un buon set-up per la sua RS-GP. Pesa anche l’assenza di Maverick Vinales ai box, ritornato in Spagna dopo essere approdato all’aeroporto di Houston. La gara di MotoGP prenderà il via alle 21:00 ora italiana.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo e Marc Marquez

MotoGP, Quartararo-Marquez: Honda sogna il nuovo ‘dream team’

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò pilota senza bandiera: “Non sono indipendentista”

Superbike, Jonathan Rea

MotoGP, Jonathan Rea: “Grazie a Valentino Rossi”