Valentino Rossi e i piloti dell'Academy

L’Academy di Valentino Rossi alla ricerca di nuovi talenti italiani

L'Academy di Valentino Rossi conterà 8 piloti dopo l'uscita di Bagnaia, Bulega e Foggia. Pablo Nieto ammette: "Difficile trovare nuovi talenti italiani".

10 novembre 2019 - 10:04

L’Academy di Valentino Rossi scenderà da 11 a 8 piloti nel 2020, dopo la fuoriuscita di Lorenzo Baldassarri, Nicolò Bulega e Dennis Foggia. Lo Sky Racing Team VR46, rinnovato l’accordo-sponsor con l’emittente satellitare, anche se a cifre leggermente inferiori rispetto al precedente contratto, ha ufficializzato da tempo lo schieramento del prossimo anno. Luca Marini e Marco Bezzecchi in Moto2, Celestino Vietti e Andrea Migno in Moto3. Niccolò Antonelli, Stefano Manzi, Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia proseguiranno con i rispettivi team anche nella prossima stagione.

Nessun pilota della corte di Valentino Rossi competerà nel CEV Mondiale Junior, i prossimi ingressi potrebbero essere Lorenzo Bartalesi ed Elia Bartolini (già wild card nel Motomondiale). Al momento però mancano giovani piloti talentuosi italiani che possano dare nuova linfa all’Academy. Tanto che in futuro si potrebbe pensare all’ingresso di baby stranieri per facilitare l’assalto al Mondiale dello Sky Racing Team VR46. “Non è così facile trovare piloti veloci dall’Academy per i team del Mondiale – ha ammesso Pablo Nieto a Speedweek.com -. Al momento abbiamo solo italiani. Ma non sai mai cosa succederà in futuro. Per il momento, supportiamo solo gli italiani con il progetto Academy“.

In cinque anni dalla nascita del team di Valentino Rossi un solo titolo iridato è stato incassato ad opera di Pecco Bagnaia. Franco Morbidelli ha vinto, ma con un’altra scuderia. Diverse le aspettative deluse, a cominciare da Romano Fenati. “Personalmente, mi dispiace aver perso alcune opportunità con Migno e Bulega. Ma a volte è importante che certi piloti raccolgano nuove esperienze e nuove idee anche in altri team. Questi sono due ottimi rider – ha proseguito Pablo Nieto -, il loro potenziale è fuori discussione. Se non manteniamo Bulega, ciò non significa che non crediamo più in lui. Pensiamo che possa essere un ottimo pilota“.

Nel breve termine le speranze dell’Academy di Valentino Rossi sono riposte su Celestino Vietti in Moto3 e Luca Marini in Moto2. Il fratello del Dottore ha mostrato ottimi spunti negli ultimi due anni, ma manca di costanza. Marco Bezzecchi, dopo una brillante stagione in Moto3, non ha saputo riconfermarsi nella classe di mezzo. “Celestino mi piace, fa un ottimo lavoro, ascolta attentamente – ha concluso Nieto -. Faremo un ottimo lavoro con lui“.

2 commenti

am.scottidiucci_14501492
0:05, 11 novembre 2019

Ciao. Non penso non ci siano più giovani talenti italiani. Ad es Kevin Zannoni… come mai non è ancora un VR46?
Vale, nn fartelo scappare! Ame

am.scottidiucci_14501492
0:02, 11 novembre 2019

Non mi risulta che non ci siano più piloti giovani italiani. Ad es. come mai Kevin Zannoni non è ancora entrato nel team di VR46? Vale, non farti scappare questa opportunità! Ciao!
PS sei sempre il migliore!
Ame

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Dietro di noi case importanti”

Jorge Lorenzo pilota Honda

MotoGP, Jorge Lorenzo scommette sulla RC213V 2020

Michelin MotoGP

MotoGP, Valencia: Michelin prepara le gomme asimmetriche