jorge lorenzo motogp 2019

Jorge Lorenzo, a Motegi il 200° GP. “Abbiamo qualche idea da provare”

Jorge Lorenzo, al 200° Gran Premio, ancora a caccia della svolta in una stagione difficile. Marc Márquez pensa ai titoli squadra e costruttori da conquistare.

15 ottobre 2019 - 15:26

Sono passate poco meno di due settimane dalla conquista del titolo iridato di Marc Márquez, arrivato con il successo in gara in Thailandia. Ora Honda ha il primo match point per il titolo costruttori: al momento la casa dell’ala dorata è al comando con 331 punti, seguita da Ducati a 254 e da Yamaha a 248. Un successo che può arrivare grazie anche all’apporto di Jorge Lorenzo, che cerca una volta di più la gara della svolta. Un GP speciale a Motegi, il numero 200 in carriera, per lui che detiene ancora i record ed il maggior numero di vittorie su questo tracciato (tre, ex aequo con i ritirati Pedrosa e Capirossi).

Non si può dire davvero che il sodalizio con il Repsol Honda Team sia stato positivo finora. Jorge Lorenzo è solo 19° in classifica iridata con appena 23 punti a stagione quasi conclusa. Solo nelle sue stagioni d’esordio in 125cc (2002-2003) era ampiamente rimasto sotto i 100 punti stagionali. Da dire che un infortunio non gli ha permesso di disputare quattro gare, ma anche nelle altre i risultati non sono stati certo eclatanti. “Io e la squadra abbiamo qualche idea da provare per la moto” ha dichiarato in vista della tappa in Giappone. “Speriamo che ci permettano di tornare dove abbiamo bisogno di essere. Ho bei ricordi di questo tracciato e sarà emozionante correre davanti al pubblico giapponese per la prima volta da pilota Honda.”

Per Marc Márquez invece va tutto a gonfie vele. Archiviato l’ottavo titolo, il sesto in MotoGP, ora si pensa al titolo costruttori ed a squadre. Personalmente, non manca anche un pensiero al fratello minore Alex, leader in Moto2 ma protagonista di una situazione ben più combattuta. Al duo di casa Márquez piacerebbe ripetere quanto fatto nel 2014: allora Alex si coronò campione Moto3, mentre Marc vinse nella categoria regina. “Se lo sta conquistando di forza, ma mancano ancora quattro gare: deve rimanere concentrato, gestire la pressione e dare il massimo” ha commentato recentemente. Per quanto riguarda il suo lavoro in MotoGP, “Ci sono altri due titoli da conquistare. Non vedo l’ora di correre a Motegi: è il GP di casa per Honda ed i fan giapponesi sono speciali.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo con Ruben Xaus e Max Biaggi

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Crutchlow, Zarco e Alex: una scelta difficile”

deniz oncu moto3 tech3 2020

Moto3: Deniz Öncü, esordio mondiale con Red Bull KTM Tech3 nel 2020

Marc Marquez a Valencia

MotoGP, Marc Marquez e le 7 BMW da poleman (GALLERY)