Jorge Lorenzo in Catalunya

Jorge Lorenzo: “Grazie Valentino”. Max Biaggi: “Pilota corretto e sincero”

Jorge Lorenzo ringrazia Valentino Rossi per non aver infierito dopo l'incidente al Montmelò. Max Biaggi: "Non si può demolire un pilota corretto e sincero".

17 giugno 2019 - 13:36

Jorge Lorenzo ha avuto solo la sfortuna di coinvolgere nel suo errore Dovizioso, Vinales e Rossi. Ne esce mortificato, criticato nel paddock e sui social, ma mai il pilota maiorchino ha dato segni di irresponsabilità. Ha fatto subito ‘mea culpa’, dopo la gara si è scusato con vertici e piloti Ducati e Yamaha. Maio Meregalli compreso, che aveva definito la sua manovra un “errore da principiante”.

Aveva iniziato come non mai in questa stagione, portandosi nel gruppo di testa già alla prima curva. La doppia gomma soft era la scelta più giusta nelle prime fasi del GP di Catalunya. “Ho cercato di superare Maverick nel posto sbagliato nel momento sbagliato… Forse ero troppo emozionato. Mi sentivo molto bene e ho pensato che avrei potuto guidare sempre più velocemente. Non ho fatto una pazzesca manovra di frenata”. Sei piloti in un solo colpo in quell’imbuto della curva 10, Jorge Lorenzo ha trovato la linea per infilarsi, ma per non toccare Andrea Dovizioso ha dovuto frenare bruscamente. Il pneumatico anteriore ha ceduto, il resto è storia nota.

Maverick Vinales chiede una pena esemplare, idem Andrea Dovizioso. Jorge Lorenzo non cerca alibi. “Ognuno ha il suo punto di vista, certe curve richiamano questi episodi… Ho provato questa manovra di sorpasso … È stato un mio errore. Capisco la reazione di Maverick. Perché sono rimasto vittima di Iannone qui tre anni fa e ho reagito allo stesso modo. Non posso dire di più. Sono grato per quello che ha detto Valentino. Perché ha più o meno la mia stessa opinione riguardo a questa curva. Ho parlato con Dovi. Ha accettato le mie scuse. Ma capisco tutte le reazioni”.

IL COMMENTO DI MAX BIAGGI

Dalla sua parte si schiera l’amico di sempre Max Biaggi che, pur ammettendo l’errore del pilota spagnolo, invita ad evitare un’ingiusta gogna mediatica. “Insomma è stata una bella frittata e di questo ne è consapevole anche Jorge… Ora riguardo a quanto accaduto, io ritengo che sia giusto dare le colpe a chi ce l’ha, ma non si può demolire un pilota che è non solito fare questi errori. Jorge ieri aveva la possibilità finalmente di fare un buon risultato, dopo aver ingoiato molti bocconi amari quest’anno… Jorge in diretta TV ha affermato che avrebbe preferito cadere da solo, senza coinvolgere nessuno, con il rischio oltretutto che qualche collega si potesse far male. Comprendo la necessità che si ha oggigiorno di alzare polveroni, perché è questo che fa più clamore – ha concluso il Corsaro –. Ma ripeto che non si può demolire un pilota che nella sua carriera ha dimostrato di essere corretto e sincero“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi tra gli sceicchi: semaforo verde sulla 12 Ore di Abu Dhabi

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

Valentino Rossi e Lewis Hamilton a Valencia

Valentino Rossi-Lewis Hamilton: il video “pirata” è online