Johann Zarco

Johann Zarco: “Grazie Yamaha, ma preferisco la competizione”

Johann Zarco si gioca parte della sua carriera in tre gare sulla Honda del team LCR. "Ringrazio Yamaha, ma ho preferito la competizione".

17 ottobre 2019 - 17:51

Johann Zarco da domenica sera sarà un pilota Honda. Precisamente dal momento in cui Takaaki Nakagami scenderà dalla sua RC213V per l’ultima volta in questa stagione, per poi dedicarsi all’intervento alla spalla. Il francese saluta e ringrazia Yamaha per l’opportunità da collaudatore offertagli nelle scorse settimane, ma ha preferito giocarsi una chance da pilota. Anche a costo di restare a guardare all’inizio del prossimo Mondiale MotoGP.

Molto dipenderà dai risultati di Phillip Island, Sepang e Valencia, ma anche dall’incastonarsi dagli eventi. Jorge Lorenzo ha ribadito la sua ferma volontà di rispettare il contratto. Nakagami tornerà non prima del prossimo anno, quindi Johann Zarco potrebbe anche collaborare nei test invernali di Valencia e Jerez. In un’intervista al quotidiano L’Equipe, la prima dopo l’annuncio della sua firma con LCR Honda, ha riconosciuto che questa possibilità era totalmente inattesa al momento di chiudere con KTM. “Quando mi hanno detto che Kallio mi avrebbe rimpiazzato ad Aragon, pensavo che sarei rimasto fuori dalle ultime sei gare… Alla fine ho perso solo tre gare“.

Johann Zarco non ha mai smesso di allenarsi, intrattenere colloqui nel paddock e crederci. L’avventura con la Honda per adesso è senza prospettive future, almeno ufficialmente. “Non mi hanno chiamato per vincere queste ultime gare. Mi hanno offerto il posto perché sono disponibile. Da parte mia spero di avere un buon feeling. E se non riesco a sfruttare il materiale che mi daranno, ciò significa che non avrò posto in MotoGP. Mi hanno dato tre gare, ho una possibilità e la vivrò a fondo“. Senza illusioni, consapevole che nel mercato piloti che si aprirà tra pochi mesi tutto sarà possibile. “Honda e Yamaha sono due grandi rivali. Ho parlato con entrambi e ho preso una decisione basandomi sulle mie sensazioni. Ho preferito la competizione – ha concluso Johann Zarco -. Ora tocca a me essere all’altezza“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

fenati test privati jerez

Moto2-Moto3: La pioggia pone fine ai test a Jerez

Andrea Iannone a Valencia

MotoGP, Andrea Iannone spegne l’incendio: “Giri motore troppo alti”

Alberto Puig team manager HRC

Puig: “Alex Marquez alto, eravamo abituati a Dani Pedrosa”