MotoGP, Joan Mir

Joan Mir: “Silenzierò gli haters al rientro di Marc Marquez”

Joan Mir proverà a difendere il titolo MotoGP, il primo da battere sarà Alex Rins. Per mettere a tacere i detrattori attende il ritorno di Marc Marquez.

19 febbraio 2021 - 11:44

Joan Mir prosegue la sua preparazione invernale in vista del primo test MotoGP a Losail. Sarà un avvio di stagione a ranghi ristretti, dove tutti, rookie compresi, proveranno per diversi giorni sul circuito arabo. E poi altri due week-end di gara dove ogni team arriverà con una gra mole di dati e un set-up al top delle condizioni. Per il campione in carica non sarà un inizio in discesa, almeno in teoria. “Mi sto allenando abbastanza bene con il mio compagno di allenamento Tito (Rabat, ndr) che mi aiuta e mi motiva ogni giorno a migliorarmi e funziona anche per lui“.

Gli avversari da battere

Con o senza Marc Marquez la concorrenza sarà agguerrita. Yamaha ha conquistato ben sette vittorie nel 2020, contro le due della Suzuki. Ducati assicura di aver risolto i problemi di aderenza con la nuova carcassa. Honda avrà miglior dimestichezza senza il suo fuoriclasse. KTM vorrà riconfermare i grandi progressi. Ma il primo avversario da battere sarà il compagno di box Alex Rins. Se ci è riuscito Joan Mir a vincere il titolo MotoGP, perché non crederci? Si prospetta una rivalità al limite nel box di Hamamatsu. “Fa parte del gioco, il primo che vuoi battere è il compagno di squadra, lo sappiamo tutti, Àlex vuole provare a battermi quest’anno, anche lui poteva farcela l’anno scorso“.

Quest’anno non ci sarà il “filtro” Davide Brivio, ma la sua assenza non dovrebbe cambiare gli equilibri interni. “Voglio pensare e penso che non cambierà molto – afferma a ‘Mundo Deportivo ‘-. Davide ha fatto un ottimo lavoro in tutti questi anni e ha lasciato un team molto completo alla Suzuki. Sahara-San farà un ottimo lavoro“. Dal canto suo Joan Mir dovrà migliorare le prestazioni sul giro singolo, per ottenere una miglior piazza in griglia di partenza. L’obiettivo è blindare il titolo MotoGP, anche contro le malelingue. Perché su Mir pesa la nomea di un Mondiale vinto senza Marc Marquez… “Non mi interessa quello che dice la gente, faccio il mio lavoro e do il 100%… Per mettere a tacere gli haters, spero che ritorni presto…“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
12:04, 19 febbraio 2021

Non Pensarci. Questo è l’ approccio giusto.
Farai le tue gare cercando il meglio di te ogni volta.
Non pensare agli altri piloti, pensa che tu e la tua moto potete dare il meglio ad ogni appuntamento …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Mike Leitner

MotoGP, scambio Leitner-Guidotti: “Decisione prima del previsto”

MotoGP, Massimo Rivola

MotoGP, Massimo Rivola: “Aprilia è indietro, sfruttiamo le concessioni”

MotoGP, Ludovica Guerra

MotoGP, Ludovica Guerra: il nuovo volto SKY è già in pole position