MotoGP, Fabio Quartararo

Fabio Quartararo: “A Losail scopriremo la nuova Yamaha”

Fabio Quartararo non vede l'ora di arrivare in Qatar per il primo test MotoGP 2021. Si attende progressi sulla Yamaha M1 per trovare più grip al posteriore.

8 febbraio 2021 - 8:49

Non è bastato essere il miglior poleman della stagione 2020, né vincere tre gare, per aggiudicarsi il titolo MotoGP. Fabio Quartararo cerca più costanza di risultati, oltre ad una maggiore aderenza per la sua YZR-M1. In vista del primo test IRTA a Losail, il francese della Yamaha si attende miglioramenti sul prototipo 2021. Perché se è vero che i motori resteranno congelati, è possibile lavorare su ogni altro settore per sfruttare al meglio la nuova gomma posteriore Michelin. A cominciare da telaio e scarico dove si prevedono da subito aggiornamenti.

Da parte sua Quartararo dovrà fare i conti anche con la pressione esterna e interna. Da quest’anno entra nel team factory, questo significa maggior supporto tecnico, ma anche maggiori aspettative da vertici e tifosi. “So che posso vincere, lottare per il podio, fare pole position, quindi eccoci qui: azzereremo il contatore e inizieremo una nuova stagione. So cosa posso fare, so che la Yamaha sta lavorando molto duramente e che sarà una grande stagione“. Semina ottimismo alla vigilia della nuova stagione MotoGP e non potrebbe essere diversamente. Almeno fino a quando non arriverà in Qatar. “Non vedo l’ora di vedere i cambiamenti che abbiamo sulla moto, se sarà molto meglio o no. Guardo sempre il telefono per vedere che data è, quanti giorni mancano al Qatar. La preseason è lunga e non vedo l’ora di arrivare sul circuito di Doha per provarla”.

Si sta allenando intensamente con la moto da cross, ha approfittato di un breve tour in Italia per passare da Ottobiano e Dorno. ‘El Diablo’ non solo dovrà portare risultati convincenti, ma anche guidare l’evoluzione della M1 insieme a Maverick Vinales. “Conosco le mie capacità, sono pronto a dare il massimo, allenarmi davvero duramente. Yamaha darà tutto, quindi sono pronto per la sfida“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022

Luca Marini MotoGP

MotoGP, Valentino Rossi: “L’anno prossimo vedremo un altro Luca”