Dovizioso e Petrucci con Ducati personalizzate a Le Mans

Il logo 'Mission Winnow' non comparirà sulle Ducati a Le Mans. Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci hanno l'occasione di personalizzare le loro moto.

8 maggio 2019 - 14:00

C’è una novità in casa Ducati in vista del Gran Premio di Francia. Philip Morris International e la squadra di Borgo Panigale hanno concesso ai piloti Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci la possibilità di disegnare un logo personale sulle proprie D16. Questo andrebbe a sostituire il posto occupato da ‘Mission Winnow’, tolto in questa occasione a causa delle leggi restrittive in Francia sul consumo di tabacco.

I due piloti sono sorpresi da questa iniziativa ma anche particolarmente contenti di avere questa occasione. “Bello mettere il mio nome così in grande sulla moto” ha dichiarato Dovizioso. “Si tratta di qualcosa che non ho mai fatto prima, sarà bello vedere l’effetto che fa.” Gli fa eco Petrucci: “Avere una Ducati con il mio nome in MotoGP è qualcosa di fantastico, che non avevo mai sognato potesse accadere.”

Come detto, una scelta dovuta per questioni di sponsor, a cui però è seguita un’iniziativa interessante. La spiega così Miroslaw Zielinski, presidente PMI: “Abbiamo deciso alcuni mesi fa di offrire questi spazi, di solito occupati da Mission Winnow, ai nostri piloti. Un modo per riconoscere il loro lavoro e ringraziarli così per il loro costante impegno.”

“Abbiamo così colto questa occasione per offrire loro un modo per avere maggiore visibilità a livello personale” ha continuato Zielinski. “Auguriamo ai nostri piloti Andrea e Danilo ogni successo. Si stanno impegnando a fondo per dare il meglio in ogni gara, rispecchiando la nostra determinazione a migliorarci costantemente.”

1 commento

walterguzzi
18:01, 8 maggio 2019

Possono sempre mettere Volkswagen

POTRESTI ESSERTI PERSO:

miguel oliveira tech3

Miguel Oliveira: “MotoGP in Portogallo? Un sogno, ma…”

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva