Davide Brivio

Davide Brivio: “Formula 1 più difficile ed eccitante della MotoGP”

Davide Brivio parla alla presentazione del team Alpine e ricorda la sua avventura in MotoGP: "Non è stato facile lasciare la Suzuki".

2 marzo 2021 - 20:05

Davide Brivio comincia ufficialmente la sua nuova avventura in Formula 1 dopo una lunga carriera in MotoGP. L’ex team manager Suzuki ha lasciato il Motomondiale da vincente, riportando ad Hamamatsu il titolo iridato. Rivestirà il ruolo di direttore corse di Alpine, inserendosi ina ristrutturazione organizzativa all’interno del team francese. “Ovviamente non è stato facile lasciare la mia vecchia squadra, un ambiente che conoscevo molto bene“. Ma non poteva rinunciare ad un appuntamento professionale così importante come il Circus. “La Formula 1 è stata per me un sogno per molto tempo. Ed è molto eccitante per me iniziare qualcosa di completamente nuovo, entrare in un nuovo ambiente“.

Un nuovo impegno che richiederà un periodo di incubazione. “Certo ho molto da imparare, molto da capire, ma per me è adrenalina, è ossigeno per mettermi al lavoro e imparare tante cose. Era un’opportunità che sentivo di dover cogliere, probabilmente mi sarei pentito se non l’avessi colta. Spero di poter portare il mio contributo all’Alpine F1 Team con la mia esperienza. Non sarà facile e ho bisogno di un po’ di tempo. Ma sono pienamente impegnato a farmi coinvolgere il prima possibile“.

La nuova avventura di Brivio

L’ex tecnico MotoGP collaborerà a stretto contatto con il direttore esecutivo Marcin Budkowski, dopo la partenza dell’ex capo della Renault F1 Cyril Abiteboul. “Sarò responsabile delle operazioni in pista, dell’attività in pista quindi tutto ciò che accade sul circuito“, ha aggiunto Davide Brivio. “Fondamentalmente il nostro lavoro come scuderia è sfruttare appieno il potenziale della macchina“. Un ruolo di grande responsabilità che richiede le sue grandi doti di coordinatore, assicurandosi che ingegneri, piloti e tutti gli addetti ai lavori abbiano ciò di cui necessitano.

Passare dalla MotoGP alla F.1o viceversa, cosa è più difficile? “Magari risponderà tra un anno. In questo momento penso che probabilmente sia più difficile dalla MotoGP andare in Formula 1. Perché la F1 è un’organizzazione più grande, è più complessa e molte più persone… Questo è un lavoro più tecnico. In termini di mettere insieme la squadra, cercando di rafforzare il gruppo, penso che ci siano somiglianze. Non c’è dubbio che la Formula 1 sia più complessa della MotoGP, ma credo che entrambe abbiano delle somiglianze“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Razlan Razali e Johan Stigefelt

MotoGP, Razali-Yamaha verso la firma: Valentino Rossi guarda oltre

MotoGP, Aleix Espargarò

MotoGP, Aleix Espargarò su Pecco Bagnaia: “Le regole sono regole”

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Brutti tempi per Valentino Rossi”