Andrea Iannone pilota MotoGP

Caso Iannone: Abraham dice addio al ritorno in MotoGP

Aprilia attende la sentenza sul caso doping di Andrea Iannone. In gara verrà sostituito da Bradley Smith. Abraham non tornerà full-time in MotoGP.

12 gennaio 2020 - 17:39

L’attesa della sentenza FIM su Andrea Iannone incute una certa tensione nel box Aprilia. Qualche settimana fa la casa di Noale ha contattato Karel Abraham per un’eventuale sostituzione nei test MotoGP di Sepang in programma a febbraio. Il pilota ceco appena tornato dalla visita alla Dakar ha chiesto informazioni sulle sue possibilità di un ritorno in classe regina. Ma un suo impiego, se preso in considerazione, sarà solo a tempo determinato, “a chiamata”.

Lo scorso 2 gennaio Abraham ha festeggiato il 30° compleanno con il suo fan club nei pressi di Brno. In tanti gli hanno chiesto del suo futuro, ma per il momento resta un’incognita. Aprilia non vorrebbe privarsi di Andrea Iannone, potrebbe persino schierarlo nei test, ma sarebbe una mossa sbagliata. In ballo c’è anche la reputazione di una casa costruttrice con il suo bagaglio di storia e vittorie. Allora non resta che attendere. Di certo in gara sarà il collaudatore Bradley Smith a prendere il suo posto se fosse necessario.

Interpellato da Speedweek.com Karel ha chiarito: “Mi hanno detto che ci sarebbe voluta una settimana prima di prendere una decisione definitiva“. Massimo Rivola ha lasciato intendere di voler rispettare le gerarchie e di promuovere Smith, forte di sei anni di esperienza in MotoGP. Oltre a conoscere l’Aprilia RS-GP da oltre una stagione. I candidati come Biaggi, Savadori, Abraham e Cortese saranno quindi valutati solo per delle “comparse” in base alle esigenze. L’altro dato di fatto è che nessuno dei vertici di Noale ha intenzione di schierare Andrea Iannone nei test in veste di collaudatore. Entro gennaio o al massimo nella prima metà di febbraio la Federazione Internazionale emetterà la sentenza. I valori bassi di Drostanolone riscontrati nelle urine lasciano propendere per una pena ridotta. Ma sarà pur sempre una penalizzazione esemplare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mattia Casadei MotoE 2019

ESCLUSIVA Mattia Casadei: “Servirebbero più turni nei weekend MotoE”

Valentino Rossi

Valentino Rossi-Yamaha, c’è tanta fretta. Sumi: “Deve decidere presto”

MotoGP, Shinichi Sahara

MotoGP, Sahara: “Marc Marquez è umano e può sbagliare”